(Photo credit should read GABRIEL BOUYS/AFP/Getty Images)

Il Consiglio Direttivo dell’ECA supporta la decisione presa oggi dal Comitato Esecutivo UEFA (ExCo) di rinviare UEFA EURO 2020 fino al 2021 con l’obiettivo di massimizzare le possibilità di concludere le competizioni nazionali e UEFA per club per la stagione 2019/20. Questa decisione è stata presa in seguito a un impegno profondo e regolare tra la leadership di UEFA, ECA e altre parti interessate, ed è guidata con l’unico scopo di ridurre al minimo l’impatto negativo del virus COVID-19 sul calcio europeo e sulla società nel suo insieme.

Nei giorni e nelle settimane a venire, l’ECA parteciperà attivamente e con piena attenzione e impegno al gruppo di lavoro coordinato dalla UEFA, che è stato incaricato di sviluppare e modellare gli aspetti pratici sulla gestione del calendario per massimizzare le possibilità di concludere le partite di club della stagione 2019/20 e affrontare le conseguenze più ampie di COVID-19 sul gioco.

L’ECA ribadisce inoltre il totale impegno del calcio europeo a sostenere tutti gli sforzi per combattere la diffusione del virus e il suo impatto sulla società nel suo insieme.

A seguito della decisione odierna, Andrea Agnelli, presidente dell’ECA e membro del Comitato Esecutivo Uefa, ha dichiarato: “L’Europa sta affrontando la sua più grande sfida in una generazione, che sta influenzando tutti i livelli della società, incluso il calcio. La sfida per il nostro gioco è enorme e in quanto leader abbiamo la responsabilità di fare tutto il possibile per proteggere il suo benessere a lungo termine mitigando l’impatto del virus”.

“La decisione odierna di posticipare UEFA EURO 2020 testimonia l’unità e gli sforzi collaborativi delle parti interessate del gioco professionale per impegnarsi nel processo decisionale collettivo nel miglior interesse del gioco. L’obiettivo ora sarà quello di trovare soluzioni per concludere la stagione dei club 2019/20 nel modo più pratico e, oltre a ciò, garantire che il calcio, come la società nel suo insieme, ritorni il più rapidamente possibile alla sua forma e al suo ritmo naturali”, ha concluso Agnelli.