attentato borussia dortmund matrice finanziaria
(Insidefoto.com)

L’emergenza legata alla diffusione del coronavirus non si limita al nostro campionato. Infatti anche la Bundesliga va verso le porte chiuse stando alle parole del ministro della sanità tedesco, Jens Spahn, il quale ha raccomandato di annullare tutte le manifestazioni nelle quali si prevede la presenza di oltre mille persone, per contrastare il propagarsi del virus, spiega la Gazzetta dello Sport.

«Più lentamente si diffonde il virus, migliore è la capacità del nostro sistema sanitario di affrontarlo», ha detto Spahn. Subito è arrivata la reazione della Lega: «Il coronavirus mette l’intera società e quindi anche il calcio in grande difficoltà. La Bundesliga si atterrà alle disposizione per il bene della salute collettiva. E’ fuori di discussione che la stagione sarà portata a termine».

Nel fine settimana si sono giocate tutte le partite a porte aperte, il Bayern ha soltanto consigliato ai tifosi provenienti da zone a rischio di non presentarsi allo stadio. Fra le zone a rischio, secondo le indicazioni dell’ istituto di medicina Koch, c’è anche il Nord Italia.

Christian Seifert, amministratore delegato della Lega tedesca, ha dichiarato: “Non c’è dubbio che la stagione debba essere giocata fino a metà maggio per determinare giocatori e partecipanti promossi e retrocessi per le competizioni internazionali”.

In merito all’emergenza coronavirus il dirigente ha affermato che “sta mettendo in difficoltà le società e quindi il calcio. La salute della popolazione e quindi di tutti gli appassionati di calcio sono una priorità assoluta. L’obiettivo deve essere quello di trovare il percorso adeguato”

In linea di massima la Bundesliga, pertanto, proseguirà regolarmente: “I club della Bundesliga e della seconda serie continueranno a coordinarsi da vicino con le autorità competenti”, ha concluso Seifert.

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO