Agnelli crescita diritti Tv
(Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Intervenuto a “Radio24”, il presidente della Juventus Andrea Agnelli ha parlato anche della dimensione economica degli acquisti, che si affianca a quella sportiva: «Dagli acquisti di Platini, Zidane, sono sempre stati fatti per alzare la dimensione sportiva della Juventus. Una volta la ricaduta economica era inferiore, ma l’attrattiva no. Oggi c’è una dimensione maggiore anche economica, partecipare a certe competizioni come la Champions porta a un’esposizione diversa, monetizzando in maniera diversa».

A proposito dell’operazione Ronaldo, Agnelli spiega: «È stato il primo giocatore per cui c’è stata una riflessione congiunta fra area sport e ricavi. Ci aggiungeva qualcosa in campo e spostava la riconoscibilità del modello Juventus a brand globale. Fra poco saremo il quarto club per follower sui social…», ha sottolineato.

Interrogato sul fatturato del club, Agnelli ha spiegato cosa manca per arrivare a un punto di equilibrio: «Il percorso di crescita fuori dal campo soddisfa ampiamente la storia recente. Il delta che c’è fra noi e i club citati poco fa è sempre lo stesso di dieci anni fa, 2-300 milioni. Quando noi facevamo 200 loro erano a 450-500. Ora siamo intorno ai 500, loro 750-800. C’è stata una crescita omogenea. Un elemento che noi scontiamo è il riconoscimento della lega domestica. La Juventus prende 90 milioni da circa 7 anni da parte dei diritti televisivi: noi abbiamo una crescita zero negli ultimi otto anni».

Quello dei diritti Tv è dunque un tema chiave: «Bisogna sottolineare che il mio club ha investito 450 milioni nelle strutture fuori dal campo… E’ sempre la parte meritocratica che fa la differenza, ma non la si può basare solo sulle presenze: noi abbiamo 41mila spettatori e gli altri riempiono lo stadio a 0 euro solo per i diritti televisivi… Comunque, non rimpiango di non avere uno stadio più grande, quella è la nostra dimensione. Il piano quinquennale è la strada da seguire per far incrementare i ricavi, ma sapevamo che questo sarebbe stato un anno di trasformazione».

Agnelli non vede l’Italia come un limite per club quali Juve e Inter: «In Italia c’è tantissimo lavoro che si può fare, sull’internazionale. Noi possiamo mettere tutte le settimane gare come Roma-Napoli, Inter-Milan, Juve-Lazio. Possiamo avere un valore enorme, sulla parte europea… Per evitare che i bambini di oggi fra 10-15 si disaffezionino, bisogna capire cosa attrae. Cioè le grandi partite».

Chiusura sul futuro e su dove sarà la Juventus tra cinque anni: «Noi abbiamo la consapevolezza che il piano presentato agli investitori sia la strada da proseguire. Sapevamo fosse un anno di trasformazione, per incrementare i ricavi e rafforzare patrimonialmente la società sarebbe stato un anno di transizione. Ho altresì l’idea di avere una squadra fuori dal campo con Ricci, Re, Paratici e in campo con la scelta di Sarri che sono le persone che possono andare avanti nei prossimi anni».

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO