Il trofeo della Champions League asiatica (Photo by Chung Sung-Jun/Getty Images)

Il Coronavirus spaventa e proprio per questo la Confederazione calcistica dell’Asia ha deciso di rinviare ad aprile e maggio le partite della Champions in cui sono impegnati i club cinesi, ovvero Evergrande Guangzhou, Shangai Shenhua e Shangai SIPG.

Queste squadre non possono giocare in casa a causa del coronavirus. Infatti i match si sarebbero dovuti disputare a Perth e Sydney all’inizio di marzo, ma la chiusura delle frontiere in Australia determinata a causa di questa situazione ha reso necessario un ulteriore spostamento delle date.

Confermato invece lo svolgimento della sfida tra i thailandesi del Chiangrai United e il Pechino Guoan del 18 febbraio, perché attualmente la squadra pechinese si trova in Corea del Sud e quindi i suoi giocatori non dovrebbero essere messi in quarantena.

Il segretario generale della confederazione calcistica asiatica, Windsor John, ha dichiarato :”Tutti i sei rappresentanti delle federazioni nazionali interessate – Australia, Cina, Giappone, Corea del Sud, Malesia e Thailandia – sono stati d’accordo con la decisione che è stata presa”.

Fra le partite ricollocate in calendario, il Vissel Kobe di Andres Iniesta, ex stella del Barcellona, affronterà l’Evergrande allenato da Fabio Cannavaro il 26 maggio. Gli australiani del Perth Glory se la vedranno con lo Shanghai Shenhua il 28 aprile.

Invece il Sydney FC, squadra australiana in cui ha militato l’ex capitano della Juventus, Alex Del Piero, giocherà contro lo Shanghai SIPG il 29 aprile. Infine la sfida tra Melbourne Victory e Pechino è stata spostata al 26 maggio.

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO