La sede della Fifa (Foto Steffen Schmidt/Insidefoto)

“Coloro che si comportano correttamente non dovrebbero avere paura di queste potenziali normative”. La Fifa reagisce così al vertice di Londra tra i top agenti del calcio mondiale, pronti a replicare alle proposte della federcalcio mondiale sul tetto alle commissioni e alle limitazioni sul mercato. Emilio García, capo del settore legale della FIFA, è intervenuto sul tema intervistato dall’agenzia Associated Press. “Naturalmente sono necessari gli agenti. Gli agenti dovrebbero essere pagati, ma dobbiamo imporre un certo senso comune nell’attuale mercato dei trasferimenti”.

“Il limite alle commissioni è per evitare pratiche eccessive e abusi che abbiamo visto in passato”, ha detto Garcia, senza indicare nel dettaglio alcun agente o i loro accordi. Agenti come Mendes e Raiola si lamentano di non essersi seduti al tavolo con la FIFA per intervenire sulle modifiche ai regolamenti sugli agenti.

García sostiene che nel 2018 si sono tenuti due incontri con Barnett (del gruppo Stellar Group), sostenendo che questo gruppo di agenti non è l’unico con cui sta parlando la FIFA. “Stiamo osservando il mercato globale: ci sono molti piccoli agenti che fanno una cosa diversa dal signor Barnett e da questo gruppo”, ha affermato García. “Non è solo un gruppo di super agenti che ha voluto essere consultato. Dobbiamo parlare con agenti in Europa, Sud America e in tutto il mondo. Siamo un’organizzazione globale. Sono più che benvenuti. Devono capire che non sono i soli”

Ma l’Associazione degli agenti di calcio crede di avere uno status elevato per farsi ascoltare dalla Fifa. “Non vogliamo che dettino unilateralmente ciò che vogliono accadere”, ha detto il presidente dell’associazione, Mel Stein, riporta AP. “Vogliamo avere un processo consultivo con un foglio di carta pulito di fronte a noi senza che nessuno prenda una posizione in anticipo e non dica che nulla è negoziabile”.

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO