Esultanza dei giocatori della Roma (Foto Andrea Staccioli / Insidefoto)

La trattativa tra Dan Friedkin e James Pallotta per la cessione della Roma si sarebbe arenata sul prezzo del club giallorosso. Lo scrive “Il Sole 24 Ore”, spiegando la differenza tra quanto indicato da Pallotta e dai suoi investitori e quello che mette sul piatto Friedkin.

I primi hanno iniettato otre 250 milioni nel club capitolino dal 2012 e ora hanno in mente una valutazione superiore agli 800 milioni di euro, compreso il progetto stadio. Al contrario Dan Friedkin ha presentato una valutazione con una manovra complessiva da 750 milioni di euro.

La cifra indicata da Friedkin comprende equity, aumento di capitale da 150 milioni, debiti per circa 250 milioni e progetto stadio, che stando a quanto pensa il magnate texano non può incidere più di tanto sul valore della transazione, in quanto si tratta di un progetto futuribile.

Ora resta da capire se Pallotta e Friedkin (assistiti da Goldman Sachs e Jp Morgan) arriveranno a un compromesso oppure se la trattativa salterà definitivamente. Al momento non ci sarebbero altri compratori all’orizzonte, in quanto chi ha guardato il dossier alcuni mesi fa (come il private equity Cvc Capital) ha poi abbandonato l’operazione.

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here