Paolo Scaroni, presidente del Milan (Foto image Sport / Insidefoto)

Intervenuto a Sky TG24, il presidente del Milan Paolo Scaroni è tornato a parlare della questione stadio, partendo dall’impianto attuale: «Il Meazza è un bellissimo stadio, ci siamo tutti affezionati. Quando pensiamo al Meazza ci batte il cuore. Ma dobbiamo renderci conto che non è più adeguato ai tempi: dalla distanza dei sedili, ai servizi, al terzo anello non c’è nessun tipo servizio».

«Negli stadi moderni – ha proseguito Scaroni – le aree interne dedicate alle hospitality sono mediamente di 100 mila mq, il Meazza ne ha 24 mila. San Siro è cosa vecchia, ha fatto il suo tempo. Quando andiamo all’estero vediamo cose totalmente diverse perché sono moderne. Ci sono i temi dell’accessibilità e della sicurezza, negli stadi moderni per le persone disabili è facile entrare».

Ancora sul Meazza: «Impossibile giocare a San Siro così com’è. Desideriamo fare un nuovo stadio, siamo convinti che riusciremo ad avere tutte autorizzazioni. Qualora non dovessero arrivare ci riuniremo e prenderemo delle decisioni. I soldi li mettiamo noi, nemmeno una lira pubblica. I nostri azionisti vogliono tempi certi, situazioni non nebulose e chiarezza che gli investitori ritengono necessaria prima di investire queste cifre».

A proposito dell’incontro nella sede del Municipio 7, Scaroni ha detto che «volevamo ascoltare, più che dire. Abbiamo spiegato il progetto. Il dialogo è stato positivo, abbiamo recepito tutta una serie di indicazioni. Quando si costruisce una cosa nuova, certe cose che in una vecchia struttura sono fastidiose possono essere evitate».

A proposito dell’impatto ambientale, Scaroni ha aggiunto che «il nuovo stadio sarà alto 36 metri contro gli oltre 60 dell’attuale San Siro. Il rumore sarà massimo all’interno e pochissimo all’esterno. Con il nuovo stadio il rumore sarà del 60% in meno rispetto ad attuale. Vibrazioni? Si possono usare materiali per le fondamenta che le elimineranno. Il nuovo stadio ridurrà il disagio per i residenti, non lo aumenterà».

Sul gusto personale, Scaroni ha spiegato di non avere ancora le idee chiare sui due progetti. In chiusura, una battuta sull’iter: «Abbiamo mandato 750 pagine di progetto, abbiamo incontrato capigruppo, commissioni, ora incontrato i rappresentati di zona. Continueremo a fare attività di trasparenza, più di così non si poteva. Siamo stati totalmente trasparenti, un’iniziativa di questo tipo deve coinvolgere tutti, altrimenti andremmo in una direzione che non ci piace».

SEGUI LIVE 3 PARTITE DI SERIE A TIM A GIORNATA SU DAZN. ATTIVA SUBITO IL TUO ABBONAMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here