Bilancio Torino calcio 2016
Il presidente del Torino, Urbano Cairo (Insidefoto.com)

Intervistato da “Il Giornale”, il presidente del Torino – Urbano Cairo –, ha toccato diversi temi. Tra questi anche la scelta di scegliere lo stadio di Alessandria come sede dell’esordio in Europa League: «È stata una scelta quasi obbligata. Noi, per via dei concerti, avevamo l’Olimpico Grande Torino impraticabile e abbiamo consultato tutti gli stadi di serie A che avrebbero potuto ospitare il nostro pubblico», ha spiegato.

«Siamo partiti da Genova – ha aggiunto Cairo –, per passare a Reggio Emilia, a Parma, a Firenze per finire con Milano: tutti hanno dichiarato l’indisponibilità per motivi diversi, lavori in corso o rifacimento del manto erboso. A quel punto è rimasta solo Udine e francamente non me la sono sentita di infliggere ai nostri tifosi un viaggio così lungo il giovedì sera. Alla fine, quindi, abbiamo puntato su Alessandria».

A proposito della voce secondo cui Cairo avrebbe scelto Alessandria in omaggio alle radici della sua famiglia, il patron dei granata spiega: «Sì, ho letto ma posso garantire che non è così. Da altre parti avremmo fatto un super incasso! Ad Alessandria abbiamo finora 4mila posti. Diventeranno 6mila appena l’Uefa ci darà il via libera, dopo aver fatto il sopralluogo, ai nostri lavori per sistemare 2mila seggiolini».

SCEGLI TU COME VEDERE SKY: CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIU’ SULLE OFFERTE

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here