Urbano Cairo (Foto Image Sport / Insidefoto)

Il presidente del Torino, Urbano Cairo, ha parlato anche di Super Champions durante una lunga intervista rilasciata a “Il Giornale”. Tra le domande a cui Cairo ha risposto, anche quella se fosse stato lui a far nascere la forte opposizione al progetto di Ceferin-Agnelli della riforma della massima competizione calcistica europea per club.

«Non ho l’abitudine di incassare meriti che non mi appartengono. A dire il vero c’è stata una sollevazione europea, a cominciare dalle leghe più autorevoli, inglese e spagnola, le quali hanno spinto il presidente dell’Uefa a riporre nel cassetto quell’idea balzana», ha spiegato Cairo.

A proposito della riforma, Cairo ha spiegato che «si trascinava dietro un criterio ingiusto di torneo della Champions a inviti, a dispetto del risultato in campionato. Non sarebbe stata una super Champions ma una minor Champions. Non parliamo poi del proposito di disputarla durante il fine settimana: avrebbe provocato la rivolta dei tifosi».

Poi una battuta sulle proprietà straniere nel calcio italiano: «Il mio giudizio è positivo, molto positivo. Se il calcio italiano riesce ad attrarre investitori stranieri vuol dire che il prodotto calcio funziona, anche se in materia di diritti tv siamo ancora sottostimati».

SCEGLI TU COME VEDERE SKY: CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIU’ SULLE OFFERTE

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here