(Photo by Clint Hughes/Getty Images)

«La Serie A incassa più di 5 anni fa, ma ai club medio-piccoli vanno meno soldi. Perché? Qualcuno si è distratto?». Il presidente del Brescia Massimo Cellino parla così della situazione in Serie A, al suo ritorno dopo l’addio al Cagliari, in una intervista alla Gazzetta dello Sport.

«Sono tornato in Lega e ho visto tanti volti nuovi, ma soprattutto ho trovato pochi proprietari e tanti stipendiati che spendono i soldi di altri. Ora dobbiamo impegnarci tutti.  Occorrono idee. MediaPro permette di avviare un percorso per gestire in proprio i diritti tv. C’è un’offerta da vagliare. Non vedo alternative», le parole di Cellino alla Gazzetta. 

«La mia ricetta? In Premier i ricavi sono divisi in parti eguali, altro che Super Champions… Non dobbiamo essere miopi e pensare agli utili per soli 4 o 5 club. Piuttosto va difeso il ceto medio, il vero patrimonio del nostro calcio che negli ultimi tempi sta subendo un decadimento. E i fallimenti in serie sono lo specchio della crisi. Serve una visione globale per tutelare gli interessi di tutti. Mi riferisco anche alla B: così è a rischio se non cambia rotta».

«Riforme? Ho accolto con favore Gravina, ma le solite forze politiche romane lo stanno frenando. Dobbiamo aiutarlo», ha concluso il patron del Brescia.

SCEGLI TU COME VEDERE SKY: CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIU’ SULLE OFFERTE

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here