dove vedere Benfica-Chivas Tv streaming
(Foto: Cesare Purini / Insidefoto)

Con la dichiarazione di prescrizione per 26 imputati su 31, si sfalda notevolmente il processo sul calcioscommesse in corso a Bologna. Il tribunale ha infatti dichiarato estinta l’accusa di partecipazione ad associazione a delinquere, ritenuta operante fino al 2011, per ex calciatori come Cristiano Doni, Stefano Mauri, Sergio Pellissier, Stefano Bettarini, Luigi Sartor, Kewullay Conteh, Mauro Bressan, Roberto Goretti, Alex Pederzoli e Francesco Ruopolo, questi ultimi due difesi dagli avvocati Savino Lupo e Luca Moser.

L’inchiesta, nata a Cremona, nel 2011 portò ad arresti e a un centinaio di indagati. Restano al vaglio dei giudici bolognesi solo le posizioni di cinque presunti promotori e capi dell’associazione, tra cui Beppe Signori.

Ma sul dibattimento incombe una pronuncia della Cassazione sulla competenza territoriale, già passata dalla Lombardia all’Emilia, che potrebbe, in caso di un nuovo trasferimento, allungare di molto i tempi di un processo ancora lontano dal concludersi.

“Era un esito prevedibile, come avevo già evidenziato ai tempi dell’archiviazione di un altro mio assistito, Andrea Soncin”, ha commentato l’avvocato Savino Lupo. “Era infatti un processo ‘monstre’, con problematiche anche dal punto di vista giuridico e una questione sulla competenza ancora irrisolta”.

 

“La prescrizione lascia sempre l’amaro in bocca e resto convinto che avrei potuto nel corso del dibattimento dimostrare l’innocenza di Pederzoli, ma anche per esigenze professionali il mio assistito ha voluto chiudere il prima possibile questa vicenda che si protraeva da oramai troppi anni”, ha aggiunto.

SEGUI LE AMICHEVOLI ESTIVE SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here