Diritti Tv Serie A, la regia unica della Lega (foto: calcio e Finanza)
Diritti Tv Serie A, la regia unica della Lega (foto: calcio e Finanza)

Il dossier sulla vendita dei diritti tv della Serie A per il triennio 2021-2024 sarà oggetto di uno studio approfondito della commissione tecnica della Lega guidata dall’amministratore delegato Luigi De Siervo.

Lo scrive Il Sole 24 Ore sottolineando che la commissione dovrà vagliare opportunità e rischi connessi alla creazione di un canale autonomo e sintetizzare le proposte di Mediapro con le richieste dei club (una riunione è già prevista per mercoledì).

Nell’assemblea di ieri i proprietari di club hanno chiesto in particolare di valutare l’ impatto che avrebbe la creazione di un canale della Serie A alla luce del business plan avanzato dagli spagnoli di Mediapro.

In pratica ai club sarebbe garantito un minimo di 1.060 milioni a stagione. Oltre a questo Mediapro metterebbe sul piatto 55 milioni per gli archivi e un budget di 78 milioni per la produzione e la distribuzione del canale.

Il minino da assegnare alle società sarebbe dunque di circa 1,2 miliardi. O

ltre questa soglia di ricavi scatterebbe la remunerazione per Mediapro (circa 90 milioni) e oltre questo livello di revenue il surplus andrebbe al 75% alla Lega e al 25% a Mediapro.

In questa prospettiva – scrive ancora Il Sole 24 Ore – Mediapro intende avviare una nuova collaborazione con la Lega, avendo nel frattempo ottenuto il rinvio dell’ udienza, prevista inizialmente per il 24 giugno, presso il Tribunale civile di Milano nella causa che la vede contrapposta ai club di Serie A sulla caparra da 64 milioni depositata in occasione della precedente asta dei diritti tv.

Va compresa a questo punto la redditività di un progetto autonomo in relazione al business model con la vendita diretta ai consumatori ovvero con la vendita dei vari pacchetti agli operatori, broadcaster, Ott o telco.

Anche alla luce del fatto che la Legge Melandri impone di vendere i diritti tv attraverso un bando pubblico e solo in caso di esito insoddisfacente di quest’ ultimo consente di procedere con altre opzioni come quella del canale.

Mediapro si appellerebbe però all’articolo 13 della legge Melandri che «nel rispetto dei principi di libera concorrenza e nei limiti delle disposizioni comunitarie», permette all’organizzatore della competizione (la Lega) di «realizzare una propria piattaforma, previo ottenimento dell’ occorrente titolo abilitativo, ovvero realizzare prodotti audiovisivi e distribuirli direttamente agli utenti, attraverso i canali tematici ufficiali ovvero attraverso un proprio canale tematico, accedendo ai necessari servizi tecnici e commerciali a condizioni eque, trasparenti, non discriminatorie e orientate ai costi».

A ogni modo è facile prevedere il muro che alzerebbe in primis Sky, con disputa legale nel caso di ricorso diretto a questo strumento.

È il motivo per cui la Lega procederà con ogni probabilità a un bando da concludere entro Natale. Con la differenza rispetto al passato di sancire con Mediapro (sempre che l’Assemblea aderisca alla proposta) già in anticipo il percorso del canale qualora la gara aperta agli operatori dovesse dare esito negativo.

SEGUI LA COPA AMERICA 2019 SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

4 COMMENTI

  1. Nel 2019 la legge Melandri appare davvero fuori da ogni logica. Occorre stravolgerla totalmente. Occorre concedere più flessibilità e autonomia contrattuale alla lega e alle singole squadre nel rispetto delle norme antitrust italiane e comunitarie.

    • no ci sarà il canale sul satellite sul digitale e in streaming. e volendo sky se li può prendere entrambi per avere l’esclusiva totale.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here