(Photo by Emilio Andreoli/Getty Images for Lega B)

Brescia lavori stadio – Il Brescia è al lavoro per organizzare la prossima stagione, che segna il ritorno in Serie A del club lombardo. Nel frattempo, la società di proprietà di Massimo Cellino ha vinto il bando per la gestione dello stadio “Rigamonti” fino al 2028, impegnandosi a sostenere lavori per circa 5 milioni di euro.

Una bella notizia, che tuttavia deve ancora essere ufficializzata, e proprio la mancata ufficializzazione potrebbe dare qualche grattacapo alle Rondinelle. Come riporta “Tuttosport”, la burocrazia sta rallentando notevolmente i tempi, motivo per cui il Brescia potrebbe presentarsi ai nastri di partenza del prossimo campionato con una serie di lavori da ultimare.

A mancare sono i documenti di regolarità contributiva e fiscale che vengono rilasciati da Innps e Agenzia delle Entrate. Qualora ci fossero dei debiti pendenti, il Brescia dovrebbe saldarli al momento. Inoltre, servono i permessi per costruire, necessari per alcune delle operazioni da portare a termine come: gli Sky Box nella zona parterre, la sala Gos, la sala Var e la realizzazione della tribuna in tubolari.

Per questo motivo, ad ora, sembra improbabile che l’impianto possa essere pronto a ospitare i match del Brescia per l’inizio del campionato di Serie A. In più, il club entro il 17 giugno – all’atto di iscrizione al campionato – dovrà comunicare un eventuale campo alternativo. Tra le possibili destinazioni ci sarebbero Modena, Trieste e Cesena.

SEGUI LA COPA AMERICA 2019 SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

1 COMMENTO

  1. Penso che cose del genere succedano solo in Italia e nei nostri campionati. Una squadra e una città come Brescia che non riescano a dotarsi di uno stadio decente.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here