Palermo sponsor Unieuro
Tifosi del Palermo (foto Insidefoto.com)

Una strategia stile Milan al Tas per evitare i guai. Secondo la Gazzetta dello Sport, il precedente del club rossonero potrebbe giocare a vantaggio del Palermo nel processo sportivo che lo vede coinvolto.

Stamattina infatti a Roma è prevista l’udienza davanti al Tribunale Federale Nazionale per l’accusa di illeciti amministrativi: nel dettaglio, sotto indagine sono  i bilanci della società rosanero per le stagioni 2014, 2015, 2016 e 2017 e la conseguente ammissione del club di Zamparini ai campionati di Serie A per le stagioni 2015/2016 e 2016/2017 e di Serie B per il 2017/2018. L’accusa è quella di aver conseguito “un ingiusto profitto consistente nella rappresentazione di un patrimonio netto societario superiore a quello reale, anche al fine di sottrarsi agli obblighi di ricapitalizzazione di cui all’art. 2446 c.c.”, con bilanci quindi “rivisti” anche al fine di ottenere la licenza per l’iscrzione ai campionati.

Secondo le indiscrezioni, la procura federale sarebbe intenzionata a chiedere la retrocessione diretta per il Palermo oppure una penalizzazione di 15 punti, anche se resta da capire in quale campionato i rosanero dovrebbero scontarla, se in quello attuale o nel prossimo.

I nuovi proprietari del Palermo tuttavia si sono detti fiduciosi: secondo la difesa, che chiederà in primis l’inammissibilità del deferimento per un presunto difetto di giurisdizione, sarebbero inoltre presenti alcune incongruenze sulle date di alcuni atti, acquisiti solo parzialmente.

In tutto questo, la solidità di Arkus Network, nuovo proprietario del Palermo, potrebbe giocare a vantaggio dei rosanero: un po’ come successo al Milan nella passata stagione, spiega la Gazzetta dello Sport, con i rossoneri riammessi alle coppe dal Tas grazie alla solidità dei nuovi proprietari, il fondo Elliott.

SEGUI LE PARTITE DEL PALERMO SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here