Nuovi stadi Italia Marotta – L’amministratore delegato dell’Inter, Giuseppe Marotta, è intervenuto oggi durante l’evento “Le sfide del calcio italiano”, organizzato a Venezia, all’Università Ca’ Foscari. «Volevo esprimere la mia felicità per essere qui oggi. Ho accettato questo invito anche perché i giovani rappresentano il futuro della nostra nazione, per cui mi auguro che tanti dei presenti possano prendere parte della politica di cambiamento del mondo del calcio», ha esordito Marotta.

«Io faccio questo mestiere da 42 anni – ha proseguito – ed ho attraversato tutti i cambiamenti di questo sport, dal mecenatismo al modello attuale, in cui le società sono delle Media Company formate da una struttura. Prima di intervenire raccontavo di quando l’almanacco Panini dedicava soltanto tre righe all’organigramma delle società calcistiche: presidente, segretario e allenatore. Poi si aggiunse il direttore sportivo, negli anni ’60. Nel frattempo, gli stadi erano sempre pieni: senza il terzo anello, San Siro arrivava ad una capieza di 60-70 mila presenze».

Poi Marotta parla dei cambiamenti: «Da un livello di mecenatismo siamo arrivati oggi ad uno di business e gli stadi devono rispondere a delle esigenze che trent’anni fa non c’erano: di sicurezza, non facili da rispettare, accoglienza, senso di appartenenza ed ospitalità, perché la presenza degli sponsor è importante ed è indispensabile concedergli la giusta accoglienza. Gli stadi sono fondamentali nell’ottica dei ricavi. Io ho partecipato nella mia esperienza di Juventus al passaggio tra il vecchio stadio ed il nuovo ed al di là dei benefici che abbiamo tratto a livello economico, lo stadio ha rappresentato il dodicesimo uomo in campo, con la gente a pochi metri di distanza dai calciatori e senza le piste di atletica», ha spiegato.

Sul lato economico, l’a.d. nerazzurro ha aggiunto che «il cambiamento in ottica Juventus dallo stadio comunale a quello di proprietà ha portato all’aumento dei ricavi di ben tre volte. Va anche detto che quello che oggi guadagna la Juventus corrisponde ad un terzo di quello che guadagnano le big europee. Accanto allo stadio reale, c’è anche lo stadio virtuale formato dai diritti televisivi: oggi non bisogna più costruire cattedrali nel deserto, ma poli commerciali che si possano vivere tutti i giorni. Soprattutto, deve esserci lungimiranza da parte dei proprietari delle società, che devono rispettare certe caratteristiche di continuità».

«Oggi in Italia – ha concluso Marotta – si vedono spesso cambiamenti di azionisti e questo porta al non vedere nel medio termine costruzioni delle strutture. L’importante è avere in avanti una vision che possa permettere di programmare, oltre ad un iter burocratico più snello. Ritengo che lo stadio sia un fenomeno di carattere nazionale, per cui alcuni passaggi intermedi rappresentano solo ostruzioni. Siamo poi dei grandi contribuenti, per cui una forma di defiscalizzazione da utilizzare negli investimenti potrebbe essere un ulteriore strumento opportuno per facilitare il percorso di crescita».

SEGUI LE PARTITE DELLA SERIE A SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here