modello atalanta
La festa dei giocatori dell'Atalanta dopo la vittoria contro la Fiorentina (Photo Daniele Buffa / Image Photo / Insidefoto)

Il modello Atalanta torna alla ribalta, tra la finale di Coppa Italia e la rincorsa ad una storica Champions League. Un modello fatto di giovani e di settore giovanile, con un occhio di riguardo però anche al bilancio.

Il vivaio, infatti, non serve solo da un punto di vista tecnico. Creare giocatori e saperli vendere bene resta un elemento importante, se non fondamentale, per far quadrare i conti. Motivo per cui spesso da Bergamo i giovani partono verso le big: negli ultimi anni gli esempi non sono mancati.

ATALANTA, LE PLUSVALENZE DAL VIVAIO
Calciatore Ceduto a Plusvalenze Bilancio
Gagliardini Inter 20.400.217 2018
Conti Milan 20.376.893 2017
Caldara Juventus 14.872.787 2017
Bastoni Inter 10.599.999 2017
Gabbiadini Juventus 8.500.000 2012
Grassi Napoli 8.000.000 2016
Montolivo Fiorentina 7.000.000 2006
Bonaventura Milan 4.898.810 2014
Baselli Torino 4.865.300 2015
Padoin Juventus 3.810.860 2012

Gagliardini, Conti e Caldara sono solo gli ultimi tre di una lunga lista di giovani del settore giovanile nerazzurro che hanno permesso incassi importanti alla società. Merito anche di una società che investe, eccome, nel vivaio. Negli ultimi 10 anni, infatti, i tre talenti sono quelli che hanno permesso plusvalenze più sostanziose all’Atalanta, ma la lista comunque resta lunga, da Gabbiadini a Montolivo passando per Grassi e Bonaventura.

 

D’altronde, soprattutto in Italia, come dicevamo per una società media le plusvalenze restano uno dei core business. E l’Atalanta sembra rispettare questa “legge”: dal 1999/2000 (concisa con la penultima promozione in Serie A) in poi, le plusvalenze hanno avuto un impatto di poco meno del 30%, raggiungendo complessivamente quota 326 milioni su un fatturato totale di 1,150 miliardi di euro.

modello atalanta

Con una media di 16,3 milioni di plusvalenze su 57,5 milioni di fatturato, si va da un minimo del 7% (nel bilancio 2011) ad un massimo del 56% (nel bilancio 2002), con il 15,5% nell’ultimo esercizio, chiuso il 31 dicembre 2018. In cui, tuttavia, il mercato è stato fondamentale, pur con un calo delle plusvalenze.

A spingere verso l’alto i ricavi della società bergamasca negli ultimi anni è stato infatti il mercato in generale: non solo il vivaio, ma anche giovani di prospettiva come Kessie e Cristante, ragazzi lanciati o rilanciati pur non avendo giocato nel settore giovanile nerazzurro. Anche se il record dalle cessione arriva proprio da un giovane cresciuto in società come Bastoni, la cui cessione all’Inter ha portato una plusvalenza da 10,59 milioni e ulteriori ricavi per 20 milioni tra premi di valorizzazione e per la risoluzione anticipata del prestito.

LE CESSIONI A BILANCIO
Calciatore Ceduto a Ricavi totali
Bastoni Inter 30.599.999
Kessie Milan 29.500.000
Gagliardini Inter 27.900.217
Conti Milan 22.876.893
Caldara Juventus 18.872.787
Cristante Roma 15.000.000
De Roon Middlesbrough 10.270.833
Gabbiadini Juventus 8.500.000
Grassi Napoli 8.000.000
Montolivo Fiorentina 7.000.000

I ricavi dal player trading hanno così un impatto leggermente maggiore rispetto alle sole plusvalenze, ovviamente: sempre dal 1999/2000, infatti, hanno portato nelle casse bergamasche 397 milioni su 1,150 miliardi di fatturato, con una incidenza del 34,5%.

modello atalanta

Ricavi che quindi dipendono in larga parte dal mercato (nelle ultime due stagioni 133 milioni dalle cessioni su 303 milioni di fatturato, con un impatto del 43,5%), ma che hanno permesso allo stesso tempo di far crescere una società che ha chiuso gli ultimi tre esercizi con utili per 50 milioni di euro e che, anche attraverso la costruzione del nuovo stadio (i cui lavori inizieranno nei prossimi giorni), punta a rimanere ai piani nobili della Serie A.

GUARDA INTER-JUVENTUS GRATUITAMENTE SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

1 COMMENTO

  1. L’Atalanta ha il 72,6% di copertura R.O. / C.T. che è basso, e di fatto è peggiorato rispetto allo scorso anno.
    E’ un Club che fa profitti ma dalla gestione calciatori, non da Ricavi Operativi.
    Per cui i giocatori rivalutati in gran parte poi li vende, perché non può sostenere ingaggi più elevati. Il Costo del Lavoro è addirittura diminuito da un anno all’altro.

    Il boom dei ricavi da gestione giocatori poi ha essenzialmente un nome e cognome: Gianpiero Gasperini.
    Come si vede anche dalla tabella sopra. E’ col suo arrivo che sono schizzati in alto.
    Se va via lui quei numeri difficilmente li faranno ancora.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here