Il presidente del Milan Paolo Scaroni (Foto: imagoeconomica)

San Siro Scaroni – «Non escludo di andare via da San Siro, l’esigenza di fare una cosa ben fatta è assoluta. Se la disputa ideologica su San Siro portasse alla conclusione che non possiamo toccare nulla su questo impianto, noi ce ne andiamo». Queste le parole del presidente del Milan Paolo Scaroni, intervenuto sul tema stadio durante l’evento “Il Foglio a San Siro”.

«Sono sei mesi che lavoriamo a questa idea. Serve fare un percorso come quelli seguiti dalle big all’estero, dotandoci di una struttura moderna ed efficiente. Solo così avremo ricavi più alti, potremo comprare giocatori, andare in Champions League e magari rivincerla. Ma se non lo facciamo non ci arriveremo mai, Inter e Milan sono alleate in questo progetto», ha proseguito il presidente del club rossonero.

Scaroni ha poi analizzato l’ipotesi di una ristrutturazione: «Ci frena il fatto che fare lavori in uno stadio in cui si gioca due volte a settimana fa girare la testa. Bisognerebbe lasciare San Siro e giocare in trasferta a Parma, Verona o chissà dove e non credo ci sia la voglia di giocare lontano da Milano. È questo il dilemma».

In ogni caso, ribadisce Scaroni, la «disputa ideologica è una disputa che non porta da nessuna parte. Bisogna capire cosa si possa fare. Non escludo nemmeno che ce ne possiamo andiamo da San Siro: l’esigenza di fare una cosa ben fatta è totale».

SEGUI LE PARTITE DEL MILAN SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here