James Pallotta, presidente della AS Roma (Foto Gino Mancini / Insidefoto)

“In tre anni speriamo di avere lo stadio”. Il numero uno della Roma James Pallotta rilancia sul tema stadio, in un’intervista a Real Vision. “Penso che la mia entrata sia stata interessante per la Roma. Sono arrivato come uno dei tre investitori passivi”, ha proseguito il patron giallorosso.

“Ho pensato, è Roma, potrebbe essere divertente e potremmo aiutarla a far crescere un marchio globale della città di Roma. La verità è che pensavo che il calcio fosse il peggiore sport nella storia degli sport”.

 

“Quando abbiamo comprato la squadra, era in grave difficoltà finanziaria. I precedenti proprietari, mentre potevano aver fatto un buon lavoro in alcuni anni sul campo, prendevano in prestito da altre imprese e hanno avuto grandi quantità di debito. Fondamentalmente Unicredit penso che in pratica sia stato il proprietario della squadra. Quindi abbiamo avuto molto da fare per cambiare subito questa cosa”.

“Noi non otteniamo denaro per le infrastrutture, non otteniamo soldi per lo stadio, quindi è un’operazione finanziata privatamente Sarà un impianto da 54mila posto, con 270mila mq dedicati all’intrattenimento. sarà l’impianto più utilizzato in tutta l’Europa meridionale, spero sia tutto fatto per la fine di maggio e potremo iniziare a costruire alla fine dell’anno, poi ci vorranno 28 mesi per l’apertura”, ha concluso Pallotta.

SEGUI LE PARTITE DELLA SERIE A SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here