Atalanta Champions San Siro Sala
Il sindaco di Milano Giuseppe Sala (Foto: Insidefoto)

Nuovo stadio Milano – Il sindaco di Milano Beppe Sala è tornato nuovamente sulla proposta di realizzare un nuovo stadio di calcio a Milano, demolendo il “Meazza” di San Siro, la cui ristrutturazione sarebbe particolarmente costosa e creerebbe il problema del dove spostare gli incontri di Milan e Inter in attesa di completare i lavori.

«E’ importante che le due società» sportive della città, Inter e Milan, che «stanno lavorando assieme, arrivino presto con una proposta concreta». Queste le parole di Sala, pronunciate questa mattina a margine di una conferenza stampa in sala Buzzati.

Il primo cittadino apre dunque definitivamente alla demolizione dello storico impianto italiano: «Tutte le proposte sono legittime, a me la cosa che interessa è che sia chiara la posizione mia e dell’amministrazione: io preferirei che lavorassero sull’esistente, però se, nel rispetto delle regole, le società proponessero un nuovo stadio, non potremmo che esaminarlo, lasciando da parte la fede calcistica e le emozioni che ognuno di noi può avere».

Sui lavori di demolizione il Comune non può «perderci soldi» ha però precisato. Quanto alla proprietà dell’eventuale nuovo edificio «bisogna trovare una formula perchè sia di proprietà del Comune, con una concessione a lunghissimo termine». Palazzo Marino, stando alle parole del sindaco, non può «non avere uno nuovo stadio di proprietà».

SEGUI LA SERIE A SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

3 COMMENTI

  1. Quindi, ricapitolando, Inter e Milan decidono finalmente di dotarsi di un vero impianto di proprietà senza compromessi, e per farlo sono disposte addirittura a demolire San Siro e costruire “insieme” un nuovo stadio, mettendoci centinaia di milioni; e poi alla fine della fiera si ritroverebbero comunque a non avere la piena e totale proprietà sull’edificio, che come adesso sarebbe del Comune?? Incomprensibile

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here