nantes cardiff emiliano sala risarcimento
Emiliano Sala con la maglia del Nantes (Foto Anthony BIBARD / FEP / Panoramic/insidefoto)

Cardiff e Nantes hanno concordato di posticipare al 27 febbraio il termine per la prima rata dei 15 milioni di sterline relativi all’acquisto di Emiliano Sala, l’attaccante italo-argentino il cui aereo per Cardiff è scomparso sul canale della Manica il 21 gennaio scorso.

Oggi, infatti, il Nantes avrebbe dovuto ricevere dal Cardiff il primo pagamento di 5,27 milioni di sterline, ma secondo quanto riportato dal Daily Mail i due club hanno concordato la proroga di una settimana.

Nelle settimane trascorse dalla scomparsa di Sala, i due club sono stati in disaccordo sul tema dei pagamenti, con il rischio che la vicenda degenerasse in una diatriba legale. Gli avvocati del Nantes hanno scritto al Cardiff il 5 febbraio scorso per chiedere il primo di tre pagamenti per il giocatore. La società gallese tuttavia, ha chiarito la volontà di aspettare fino a quando l’indagine sull’incidente non sarà completa.


«Se siamo contrattualmente obbligati a pagarli, allora lo faremo, siamo un club d’onore. Ma se non siamo obbligati, vistio anche che ci sono alcune anomalie nel contratto, è certo che vi aspettereste da me, in qualità di presidente e tutore degli interessi di questo club, di esaminare l’accordo e difendere la nostra posizione. È ciò che stiamo facendo», ha assicurato il presidente del club gallese Mehmet Dalman.

SEGUI IL CALCIO ESTERO SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here