milan cagliari 3 0 highlights
Krzysztof Piatek esulta dopo un gol con la maglia del Milan (Foto Image Sport / Insidefoto)

Stipendio Piatek Milan – Krzysztof Piatek è riuscito a conquistare il Milan in appena quattro partite. L’attaccante polacco ha messo a segno altrettante reti negli incontri fino a qui disputati – tra campionato e Coppa Italia – dimostrando di non aver lasciato a Genova il suo fiuto del gol.

Scaroni: «Milan club italiano con più tifosi al mondo grazie alle Champions»

Qualora ce ne fosse stato bisogno, per incentivarlo a dare sempre di più, il club rossonero ha inserito una serie di obiettivi nel contratto stipulato con Piatek, che se raggiunti fanno scattare dei bonus in favore del giocatore. Come spiega “La Gazzetta dello Sport”, se a Bergamo l’attaccante segnerà il quinto gol con la nuova maglia centrerà il primo bonus previsto dall’accordo.

L’ingaggio che Piatek percepisce al Milan è quasi cinque volte quello del Genoa: 1,8 milioni di euro, contro i 400mila percepiti in maglia rossoblu. Il tutto senza considerare i bonus. Premiare il rendimento con ulteriori incentivi è, infatti, una consuetudine ormai diffusa: oltre al diretto interessato, se le cose funzionano ne guadagna anche il club. Il Milan cerca la risalita Champions con Piatek e l’attaccante ha di conseguenza un contratto «a scaletta». Superati i cinque gol, esiste una serie di riconoscimenti economici per altri step ravvicinati. Incentivi «modesti» ma che il Milan si è impegnato a corrispondergli al momento di definire un’intesa. Una lunga scalata fino ai venticinque gol, limite che la società ha posto come ultimo traguardo.



Il contratto che lega le parti fino al 2023 è articolato nella stesura dei bonus e molto semplice nel resto. Il Milan ha fatto dell’attaccante un vero e proprio punto di riferimento, come del resto dimostra la cifra spesa per arrivare al suo cartellino: 35 milioni di euro.

Ufficiale, Piatek è del Milan: l’impatto sui conti del club

Anche Piatek ha dimostrato di desiderare il Milan e di volersi realizzare in rossonero: così nessuno dei protagonisti ha preteso l’inserimento di una clausola rescissoria. Italia o estero, estate o inverno, non esiste alcuna via d'uscita facilitata. E' una possibilità che al Milan conoscono bene e che spaventa nel caso di Suso: chi dovesse fare un’offerta di quaranta milioni taglierebbe fuori il club rossonero dalla trattativa.

SEGUI LE PARTITE DEL MILAN SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here