mondiale 2030 corea
Gianni Infantino, presidente della FIFA (Insidefoto)

Il presidente della Fifa, Gianni Infantino, è l’unico candidato a succedere a se stesso nelle elezioni previste per il 5 giugno prossimo a Parigi.

Lo ha reso noto la federazione internazionale, informando che solo il nome dell’avvocato elvetico, 48 anni, è stato proposto entro i termini prefissati.

Prima del voto, ricorda ancora la Fifa, la candidatura sarà sottoposta alle consuete verifiche di eleggibilità e integrità.

Infantino è stato eletto presidente della Fifa per la prima volta nel 2016, in seguito alle dimissioni di Joseph Blatter che era stato confermato nella carica nel 2015. Il prossimo mandato si concluderà nel 2023.


Ieri intanto la Fifa ha creato una joint venture con il Qatar, organizzatore della Coppa del Mondo 2022, come parte del suo sforzo per semplificare l'organizzazione del torneo. L'organismo mondiale ha spiegato in una dichiarazione che avrà una quota del 51% della società, mentre il comitato organizzatore del Qatar avrà il restante 49%.

Il presidente della FIFA Gianni Infantino ha dichiarato nel 2016 che la federazione avrebbe preso più controllo sul ticketing e sull'organizzazione ai Mondiali, aggiungendo che la decisione è stata guidata dall'efficienza e non dalla mancanza di fiducia negli organizzatori locali.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here