dove vedere Manchester City-Burton Albion TV streaming
Esultanza dei giocatori del Manchester City (Foto PHC/Insidefoto)

Il Manchester City si è rifiutato di fornire spiegazioni alla UEFA per quanto riguarda le accuse di violazione delle regole del fair play finanziario, dal momento che le recenti rivelazioni sono basate su e-mail «hackerate o rubate». La risposta – scrive “The Guardian” – segue la richiesta di commenti da parte della UEFA in merito a quanto scritto da “Der Spiegel” sui conti 2013-2015 dei Citizens.

UEFA, il capo del CFCB conferma: il City rischia l’esclusione dalle coppe

Ciò che si è potuto evincere dalla corrispondenza del club di Manchester, è che le sponsorizzazioni di società come la compagnia aerea di Abu Dhabi Etihad e di altre compagnie statali, erano in realtà pagate per lo più dal proprietario del City, lo sceicco Mansour bin Zayed al-Nahyan. In pratica, l’accusa è quella di aver aggirato il FPF per poter immettere fondi nelle casse della società, passando da sponsorizzazioni fittizie.





Quando il CFCB (organo di controllo UEFA) ha chiesto un commento a proposito di queste rivelazioni, il City si è rifiutato di rispondere perché le e-mail sono state violate o rubate e analizzate fuori dal loro contesto. Tuttavia, il club non ha negato che le e-mail citate fossero autentiche, motivo per cui i funzionari CFCB e UEFA ora sono intenzionati a discutere internamente su come procedere. Aleksander Ceferin, presidente dell'UEFA, e Yves Leterme, capo del CFCB, hanno spiegato di recente che la sanzione più pesante per un club che ha violato seriamente le norme è l'esclusione dalla Champions League.

Il Manchester City porta la tecnologia SAP dentro la partita

Da quanto è stato rivelato il contenuto di queste mail, l’unico commento della società è stato: «Non forniremo alcun commento su materiali presumibilmente violati o rubati dal personale del City Football Group e del Manchester City e dalle persone associate. Il tentativo di danneggiare la reputazione del club è organizzato e chiaro».

1 COMMENTO

  1. All’UEFA credo che non interessi molto l’esclusione del City dalla Champions, che vedo che tiene sempre banco, per la gioia di alcuni tifosi.
    Anche perché sarebbe come darsi una martellata sui cosiddetti.
    Interessa, credo, vedere se c’è la possibilità di un’altra sanzione, che incasserebbe.
    La precedente del 2014 era stata di 60 milioni, mi pare.
    Che si aggiungono a quelli incassati dal PSG.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here