Steven Zhang (Foto Antonello Sammarco / Image sport / Insidefoto)
Steven Zhang (Foto Antonello Sammarco / Image sport / Insidefoto)

Quanto ha investito Suning nell’Inter da quando il colosso cinese fondato da Zhang Jingdong ha preso il controllo della società nerazzurra?

Secondo quanto emerge dalle anticipazioni sul bilancio consolidato del gruppo Inter per l’esercizio 2017-2018, le risorse investite da Suning, tra versamenti di capitale e finanziamenti soci, nel periodo compreso tra l’acquisizione del controllo della società nerazzurra il 29 giugno 2016 e il 30 giugno 2018, ammontano a 474 milioni di euro (237 milioni di euro l’anno in media).

Quanto ha investito Suning nell’Inter? Il dettaglio dei versamenti

Nel dettaglio il colosso cinese guidato da Zhang Jindong ha sottoscritto un aumento di capitale da 142 milioni nel giugno del 2016, procedendo poi al finanziamento della società nerazzurra attraverso prestiti soci.

Un primo prestito da 40 milioni è stato erogato al momento dell’acquisizione del controllo dell’Inter il 29 giugno 2016.

Un secondo prestito da 177 milioni è stato messo a disposizione del club nel corso dell’esercizio 2016-2017.

Infine, un terzo prestito da 119 milioni è stato erogato nel corso dell’esercizio 2017-2018.

Complessivamente l’ammontare dei prestiti da Suning all’Inter è stato pari a 336 milioni di euro. Di questi, tuttavia, circa 105 milioni sono stati convertiti in capitale (alla “voce riserva copertura perdita in formazione”) nel corso dell’esercizio 2017-2018, mentre altri 4 milioni circa sono stati rimborsati dal club all’azionista di controllo.

Quanto ha investito Suning nell'Inter dall'acquisizione ad oggi
Quanto ha investito Suning nell’Inter dall’acquisizione ad oggi

Grazie alla conversione del prestito in capitale il patrimonio netto consolidato dell’Inter al 30 giugno 2018 era positivo per 3,83 milioni, nonostante il rosso di 17,75 milioni registrato a livello di gruppo nell’esercizio 2017-2018.

Quanto ha investito Suning nell’Inter? Debiti convertiti per ripianare il passivo

Pertanto, considerata la conversione, le risorse investite da Suning nell’Inter come capitale sono pari a 247 milioni (142 + 105), mentre i debiti del club nei confronti dell’azionista di riferimento, considerati anche i 4 milioni rimborsati, sono pari a 227 milioni di euro.

Gli interessi pagati dall’Inter a Suning a fronte del finanziamento soci ammontavano invece a 11,2 milioni di euro allo scorso mese di aprile.

Inter e Sponsor: una nuova era con Bwin

Il nuovo corso dell’Inter ha segnato un’importante svolta col passato anche a livello di sponsor. Se durante l’epoca Moratti la società aveva sempre guardato con diffidenza alle partnership con società dedicate al gioco, ora l’Inter vanta un’importante collaborazione con bwin. Un brand non nuovo alle sponsorizzazioni in ambito sportivo: Juventus, Real Madrid, Borussia Dortmund e Milan sono solo alcuni dei club ai quali bwin ha legato il proprio nome.

Con questa partnership, l’Inter si è legata dunque a un marchio di sicuro successo nel mondo del gioco e dello sport. Parliamo, infatti, di un operatore leader, ormai stabilmente affermato nella top 5 del mercato del gioco in Italia.

Bwin, inoltre, si è sempre distinta per la sua tendenza all’innovazione. È infatti stata tra le prime compagnie, in Italia, a proporre il cash out sulle scommesse e il casino dal vivo online. In seguito, molti altri operatori hanno seguito l’esempio di bwin, tanto che il casino live in tempo reale è ormai parte fondamentale del core business di moltissime compagnie di gioco online. Per avere maggiori informazioni, basta accedere al sito ufficiale di CasinoLiveOnline. Insomma, una collaborazione che promette ottimi frutti per entrambe le parti. Vedremo se da qui al 2020, data di scadenza dell’accordo, i risultati raggiunti saranno all’altezza delle aspettative.

SEGUI LE PARTITE DELL’INTER SU DAZN: CLICCA QUI PER ATTIVARE IL SERVIZIO GRATIS PER UN MESE

3 COMMENTI

  1. La famiglia Agnelli elkann NEGLI ULTIMI 25 ANNI ZERO E QUESTO DOVREBBE PROVOCARE PROFONDE RIFLESSIONI . Tranne nelle 2 ricapitalizzazioni del 2017 e nel 2011 mettendo comunque una cifre inferiore nettamente rispetto al Milan di Berlusconi, Inter di Moratti, Inter di Suning e Milan di Elliot

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here