Luigi Di Maio (Foto Samantha Zucchi Insidefoto)
Luigi Di Maio (Foto Samantha Zucchi Insidefoto)

“Ho saputo che mentre stavano per emanare il decreto molte società, tra cui quelle di calcio, hanno fatto una corsa per stipulare nuovi contratti con il gioco d’azzardo per fare pubblicità. Lo voglio dire a quelle persone: la lotta al gioco d’azzardo è un atto di civiltà”. Così il ministro del Lavoro Luigi Di Maio sul tema delle scommesse e dei nuovi contratti firmati negli ultimi giorni.

“Se qualcuno ha fatto i contratti per fregarci metteremo una norma in sede di conversione del decreto per evitare che chi ha fatto il furbo la faccia franca. Non è che nessuno impedisce nuovi contratti per tirare a campare”, ha concluso Di Maio.

Le scommesse sul calcio in Italia valgono 8 miliardi: 192 milioni finiscono al Fisco

Una posizione, quella sui nuovi contratti con le agenzie di scommesse di alcune società, condivisia anche dal Codacons. “Sia la Roma che la Lazio avevano tentato la furbata di eludere il dl dignità firmando in fretta e furia contratti con le società di scommesse, ma il loro tentativo è caduto nel vuoto – spiega il presidente Carlo Rienzi – Grazie alla decisione di Di Maio automaticamente decradanno i contratti siglati nei giorni scorsi dalle due squadre e pertanto gli accordi presi con le società delle scommesse sono a tutti gli effetti nulli”.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here