Il programma di Gravina per la Figc: fair play finanziario e rating
(foto Insidefoto.com)

La Procura federale della Figc ha deferito al Tribunale Federale Nazionale Luca Campedelli e Giorgio Lugaresi, rispettivamente presidenti di Chievo e Cesena, per presunte plusvalenze fittizie.

Lo rende noto un comunicato in cui si spiega che i due dirigenti sono stati deferiti “per aver sottoscritto le variazioni di tesseramento di alcuni calciatori indicando un corrispettivo superiore al reale e per aver contabilizzato nei bilanci plusvalenze fittizie e immobilizzazioni immateriali di valore superiore al massimo dalle norme che regolano i bilanci delle società di capitali, condotte finalizzate a far apparire un patrimonio netto superiore a quello esistente alla fine di ciascun esercizio e ciascun semestre così da ottenere la licenza e l’iscrizione al campionato delle stagioni 2015/2016, 2016/2017, 2017/2018 in assenza dei requisiti previsti dalla normativa federale”.

In serata è arrivata la risposta del Chievo.

«In riferimento alla decisione odierna della Procura Federale della FIGC di deferire il ChievoVerona al Tribunale Federale Nazionale», si legge in una nota della società clivense, «la società comunica di sentirsi estranea alle contestazioni ricevute, avendo sempre agito nel pieno rispetto delle norme federali».

 «La società», conclude la nota del Chievo, ribadisce la sua massima fiducia nelle decisioni della magistratura sportiva.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here