Yonghong Li (Insidefoto.com)

Non è arrivato entro la scadenza di oggi alle 17 il versamento da parte di Yonghong Li dell’ultima tranche da 32 milioni di euro dell’aumento di capitale nelle casse del Milan. Il proprietario del club non ha quindi completato l’aumento di capitale entro il termine fissato: a versare i residui 32 milioni di euro ci penserà quindi il fondo Elliott, che potrà intervenire in base al diritto di surroga.

Yonghong Li, che ha già un debito di oltre 300 milioni di euro nei confronti del fondo statunitense, ha la possibilità di restituire i 32 milioni versati da Elliott in breve tempo: secondo quanto riportato da Milannews, la deadline per la restituzione sarebbe stata fissata per il prossimo 10 luglio.

Se Yonghong Li non riuscisse a restituire la cifra entro la data stabilita, verrà avviato l’iter per l’escussione del pegno da parte di Elliott, davanti al tribunale del Lussemburgo, dove ha sede Rossoneri Sport Investment Lux, società veicolo con cui il cinese ha rilevato il Milan. Elliott diventerebbe così l’effettivo proprietario della società rossonera.

Nel frattempo Yonghong Li, spiega l’Ansa prosegue nella ricerca di un socio. Ci sarebbero più trattative aperte, due o tre con soggetti statunitensi, fra cui Thomas Ricketts, che si sono fatti avanti attraverso diverse banche d’investimenti. Secondo indiscrezioni, l’operazione con più chance di andare in porto in tempi brevi sarebbe quella proposta da Goldman Sachs: Li avrebbe respinto l’offerta giudicandola insufficiente ma, messo alle strette dalla nuova scadenza con Elliott, potrebbe fare valutazioni diverse.

2 COMMENTI

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here