(Foto Calcio e Finanza)

Mediapro non molla la Serie A, ma le garanzie degli spagnoli non convincono per nulla la Lega. Il gruppo spagnolo ha presentato ieri alla Lega A “nei termini legali previsti le garanzie richieste”. “Queste garanzie patrimoniali sono formate dalla garanzia di Imagina (i soci attuali) e da una garanzia dei soci di Orient Hontai certificata da KPMG per un totale di 1,6 mld – spiega una nota -. Mediapro, a seguito dell’accettazione formale delle garanzie da parte dell’assemblea già convocata domattina, riprenderà il processo di vendita dei diritti tenendo conto del pronunciamento del Tribunale di Milano”.

“Queste garanzie sono state presentate in una riunione avvenuta oggi pomeriggio alla presenza del presidente della Lega, dei consulenti legali e ai rappresentanti del board della Lega”, aggiunge la nota. Lunedì 28 maggio l’assemblea dei club di Serie A ha deliberato all’unanimità la risoluzione, efficace trascorsi sette giorni, del contratto con Mediapro, inadempiente per non aver presentato la fideiussione o garanzie patrimoniali a copertura di 1,2 miliardi di euro. Era dunque fissato per ieri sera il termine ultimo per Mediapro per adempiere all’obbligo.

(foto Mediapro.tv)

Come riporta la Gazzetta dello Sport, si tratta di garanzie fornite da tre soggetti: quasi 400 milioni garantiti dall’attuale capogruppo Imagina e gli altri da garanzie legate a Orient Hontai, il fondo cinese destinato a rilevare la maggioranza del gruppo di cui fa parte Mediapro. In particolare, Shanghai Dongzheng Zhichong Internet Technology Center Limited Partnership copre fino a 517 milioni mentre il partner Tang Hao, garantisce fino a 700 milioni. Accanto al gruppo Mediapro, presente ieri in un incontro in Lega anche la vera star della serata, Marco Bogarelli, già ad dell’advisor Infront, uno dei primi sostenitori dell’avventura spagnola, come spiegato da Repubblica.

Presentazione delle garanzie a cui è arrivata una pronta risposta della Lega Serie A. “In relazione al comunicato diffuso da Mediapro, la Lega Serie A comunica di avere ricevuto questa sera delle ulteriori proposte, da parte della stessa Società spagnola, che verranno sottoposte domani all’attenzione dell’Assemblea. Da una prima analisi le proposte presentate non sono redatte secondo i format previsti dal bando”. Con questa nota la Lega Serie A commenta l’annuncio della società spagnola a proposito delle garanzie presentate per i diritti tv del campionato. Oggi alle 8.30 è stata convocata l’assemblea della Lega Serie A, mentre giovedì 7 giugno è prevista l’udienza sul reclamo che Mediapro ha avanzato contro la decisione con cui il Tribunale di Milano il 9 maggio scorso, accogliendo l’istanza di Sky, ha di fatto bocciato il bando formulato dalla società spagnola per la vendita dei diritti tv del campionato per il triennio 2018/21.

Come funzionerà la tv della lega prodotta da Mediapro
(Insidefoto.com)

Il piano B della Lega sono le trattative private, a partire già da oggi nel pomeriggio: dopo il lancio di due tipologie di pacchetti (uno per per prodotto e uno per piattaforma), venerdì gli incontri termineranno, con l’obiettivo di ridurre a uno solo il pacchetto da vendere. Obiettivo chiudere entro il 13 giugno, ricevendo le offerte.

Dalla parte degli spagnoli, nei loro piani c’è sempre il canale tematico del calcio italiano, magari inserendo la Serie B. In caso di rifiuto della Lega delle garanzie, la minaccia è quella di fare causa.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here