Mediapro rating

Fideiussione Mediapro – Il giorno della verità è sempre più vicino: a breve si scoprirà se gli spagnoli di Mediapro avranno in mano una fideiussione bancaria da un miliardo e trecento milioni – della quale si parla ormai da tempo – o se non si verificherà nulla di tutto questo. La posta in palio è nota: i diritti tv della serie A per i prossimi tre anni. Secondo un’ipotesi avanzata da “La Repubblica”, nonostante le rassicurazioni di Jaume Roures quasi nessuno degli addetti ai lavori pensa che Mediapro possa davvero presentarsi con i soldi in mano, giovedì. La decisione del tribunale di Milano di accogliere il ricorso di Sky è una bomba atomica innescata nelle fondamenta del processo di vendita e risulta difficile immaginare che qualcuno possa esporsi per oltre un miliardo con un tribunale di mezzo.

Mediapro, Roures tranquillizza i club: «Non sono preoccupato. I soldi ci sono»

Fideiussione Mediapro, gli spagnoli potrebbero adottare una soluzione “a metà”

Difficile anche che Roures, però, faccia apertamente la pessima figura di smentire la propria parola a soli sette giorni di distanza. La cosa più probabile è dunque la classica via di mezzo, una soluzione di compromesso, come ad esempio una fideiussione con una “condizione rilevante”. Condizionata cioè alla realizzazione del canale della Lega, da sempre vero obbiettivo dichiarato degli spagnoli. Oppure una fideiussione vincolata al buon esito della vicenda giudiziaria in corso.

In entrambi i casi, la delusione della Lega, e dunque di Miccichè e Malagò, sarebbe enorme. E tuttavia molti presidenti, messi di fronte a una fideiussione del genere, potrebbero non storcere il naso.