flamini calciatore più ricco al mondo
Mathieu Flamini ai tempi del Milan (foto Insidefoto.com)

Mathieu Flamini non è il calciatore più ricco al mondo. Il centrocampista francese è il co-fondatore della GFBiochemicals, una società nata nel 2008 che produce su vasta scala acido levulinico, una molecola che – secondo il dipartimento Energia statunitense – può rendere il mondo “più verde”.

La molecola “può aiutare a diminuire le emissioni di monissido di carbonio – aveva spiegato Flamini – È un acido che ha un enorme potenziale perché reagisce esattamente come il petrolio e, quindi, lo può sostituire“, ad esempio nella produzione della plastica.

Un investimento che, secondo alcuni, avrebbe generato una piccola fortuna all’ex Arsenal e Milan: le indiscrezioni parlavano di un patrimonio di 30 miliardi di euro in tasca al giocatore.

Flamini, imprenditore biochimico che lotta contro il cambiamento climatico

Che, però, ha smentito la ricostruzione: “Voglio rettificare quanto letto – le parole di Flamini all’Equipe nei giorni scorsi -, non ho tutti quei soldi sul mio conto e non corrisponde neanche al valore della mia azienda. Quella cifra corrisponde al valore del mercato che vorremmo attaccare con le nostre nuove tecnologie: è come dare ad un ristorante il valore dell’intera ristorazione francese”.

Flamini, che oggi è in forza agli spagnoli del Getafe (fermato da un problema muscolare dopo aver disputato solo 12′ nella Liga dallo scorso gennaio), ha poi concluso: “Io miliardario? No, per niente. So di essere un personaggio pubblico e le mie dichiarazioni sono sempre sotto la lente d’ingrandimento ma questa cosa mi ha fatto male: non ho investito nella tecnologia per fare soldi ma solo per avere un impatto positivo sull’ambiente”.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here