Gian Marco Moratti (Insidefoto.com)
Gian Marco Moratti (Insidefoto.com)

E’ morto nella notte Gian Marco Moratti, numero uno della Saras, azienda petrolifera di famiglia. L’imprenditore è scomparso all’età di 81 anni per una malattia. Gian Marco era fratello di Massimo Moratti ex presidente dell’Inter e marito di Letizia Moratti che è stata sindaco di Milano.

Gian Marco Moratti era laureato in Giurisprudenza all’Universita’ di Catania. Inserito nell’azienda di famiglia fondata nel 1962 dal padre ne aveva preso le redini insieme al fratello, piu’ noto al pubblico per l’impegno nel calcio.

Aveva ricoperto diversi incarichi tra cui quello di presidente dell’Unione Petrolifera Italiana, era stato componente del Comitato interministeriale per il coordinamento dell’emergenza energetica e nei cda del Corriere della Sera, della Bnl e dell’Inter.

Era particolarmente noto per l’impegno, insieme alla moglie Letizia, in favore della comunita’ di San Patrignano, fondata da Vincenzo Muccioli, che aveva sostenuto fin dagli anni ’70 e dove si recava spesso.

Due i figli avuti in prime nozze, Angelo, nato nel 1963 attuale vice presidente della Saras e membro del consiglio dell’Inter, e Francesca, mentre dal matrimonio con Letizia Brichetto sono nati Gilda e Gabriele, anch’egli inserito nel cda Saras.

Il gruppo petrolifero con sede a Sarroch in Sardegna è una delle maggiori raffinerie italiane e negli ultimi anni ha anche avviato uno sviluppo nelle energie alternative e rinnovabili.

Gian Marco Moratti attraverso la sua accomandita deteneva il 25% del gruppo petrolifero che ha sede in Sardegna. Il restante 25% della quota di controllo è detenuto dalla sapa del fratello Massimo.

A Piazza Affari, dopo l’annuncio della morte del petroliere, il titolo Saras vola sulle ali della speculazione di un possibile riassetto in termini industriali e azionari.