Il Pisa ha consegnato il progetto scritto in Comune per il restyling dello stadio. Ora inizia la valutazione tecnica della fattibilità. Ad annunciare l’importante passo avanti è  l’amministrazione comunale con una nota sul proprio sito internet. Il club ha deciso di puntare sul progetto realizzato dallo studio Iotti-Pavarani, scelto dopo un contest internazionale.

Ora spetterà ai tecnici valutare il progetto. Uno degli aspetti che dovrà però essere preso in considerazione riguarderà l’impatto on il quartiere in cui si trova l’impianto. L’amministrazione toscana ha infatti ribadito da sempre un aspetto importante: il miglioramento dell’Arena dovrà portare benefici a tutti, tifosi e residenti.

Il passo compiuto oggi rappresenta un momento fondamentale per poter trasformare l’idea in realtà. “Con la presentazione del progetto in Comune il club concretizza un interesse reale e questo è un fatto certamente positivo. Ora può partire un iter complesso per il quale però è difficile oggi individuarne le tempistiche” – ha sottolineato l’assessore all’Urbanistica del Comune di Pisa, Ylenia Zambito.

Il presidente del Pisa, Giuseppe Corrado, ha più volte espresso nelle scorse settimane l’auspicio che l’iter burocratico possa svolgersi in fretta e senza intoppi entro pochi mesi. Un desiderio che però difficilmente potrà essere esaudito.

Nuovo stadio Pisa: tempistiche ancora da stabilire

A Pisa, infatti, entro la prossima estate si voterà per le amministrative e questo inevitabilmente condizionerà anche il percorso per arrivare alla nuova Arena Garibaldi. A precisarlo è proprio la Zambito: “Un processo così delicato non può subire accelerazioni in base alle scadenze elettorali. Si tratta di un intervento di grandissima rilevanza e ciò che è più importante è che si faccia bene mettendoci il tempo che serve, pur tenendo nella giusta considerazione anche le esigenze dell’investitore“.

Il Pisaha stimato un investimento intorno ai 30 milioni di euro per la riqualificazione dell’area. Qui sorgerà uno stadio nuovo interamente coperto. Sono inoltre previsti nuovi interventi urbanistici per migliorare la mobilità nel quartiere.