Serie A Futsal maschile femminile Sky
(foto Insidefoto.com)

La tecnologia è ormai diventata parte integrante della nostra quotidianità in molti ambiti, sport compreso. L’Hoffenheim, formazione che milita in Bundesliga, ha deciso così di usufruire di un’app per l’organizzazione delle varie sedute di allenamento.

Julian Nagelsmann, allenatore 30enne del club, ha voluto questa innovazione perché in grado di valutare in maniera precisa le condizioni di ogni singolo giocatore. Una scelta poco diffusa, che consente quindi di scegliere l’undici da schierare in campo anche sulla base dei dati emersi. Elementi quali riposo, uso di alcool e alimentazione non resteranno quindi più “segreti”.

Lo strumento servirà ovviamente più che altro a livello indicativo, ma difficile non restarne almeno parzialmente condizionati. A spiegare meglio le finalità dell’app è lo stesso Mister tedesco: “Analizziamo i dati che ci arrivano per capire se un giocatore è al limite del sovraccarico o se invece è in buone condizioni” – ha detto ai microfoni della Bild.

App Hoffenheim – La tecnologia può essere un aiuto importante

Il giovane allenatore, come molti suoi coetanei, è da sempre un appassionato di tecnologia. Presso il centro sprotivo dove la squadra si allena è stato infatti installato un laboratorio dove può analizzare le gare a livello tattico attraverso relazioni scambiate su Whatsapp.

In casa Hoffenheim ormai da tempo si usa anche il “Videowall”, uno schermo dove vengono proiettate una serie di immagini riprese da quattro telecamere. Un’opportunità per analizzare i movimenti di ogni giocatore e individuare eventuali errori. La società tedesca utilizza inoltre la “gabbia”, una stanza in cui i giocatori devono intuire attraverso un suono da dove arriva il pallone. Questo consente di individuare in modo preciso i tempi di reazione di ognuno.

PrecedenteSpal, rinnovo con Tassi Group: sarà sponsor di maglia fino al 2019
SuccessivoNegli Usa gli investimenti in startup sportive verso quota 4,5 miliardi $
Giornalista, laureata in Linguaggi dei media all'Università Cattolica di Milano. Esperienza soprattutto in siti internet e qualche incursione in TV e sulla carta stampata.