nuovo ruolo sabatini inter suning

«Non facciamo acquisti, ma campagna acquisti pragmatica». Così il responsabile dell’area tecnica del gruppo Suning, Walter Sabatini, ha sintetizzato il mercato dell’Inter nel corso del suo intervento al convegno dedicato alla centralità del ruolo del direttore sportivo, organizzato all’hotel Melià di Milano.

Lo stesso direttore sportivo dell’Inter Piero Ausilio, durante il dibattito finale cui ha preso parte anche l’ad della Juventus, Beppe Marotta, ha voluto chiarire le parole di Sabatini. «La campagna acquisti è stata pragmatica e cioè in linea con impegni presi», ha precisato il ds nerazzurro.

«Tutti vorrebbero grandi nomi ma crediamo di aver fatto una squadra seria che può fare grandi cose. Abbiamo scelto un ottimo allenatore, è la persona giusta. Spalletti sa che ci sono difficoltà ma è convinto e coinvolto in questo progetto. L’obiettivo è la Champions e pensiamo di poterlo raggiungere», ha aggiunto Ausilio.

Calciomercato e Fair Play Finanziario: Inter vincolata al pareggio anche nel 2017-18

Sabatini ha parlato anche delle ultime trattative intavolate dai nerazzurri, alcune ancora aperte, altre non andate a buon fine, per stessa ammissione del dirigente del gruppo Suning. «Karamoh? Ausilio sta cercando di prenderlo con qualche difficoltà. Se non sarà lui ne arriverà altro. Mustafi? Abbiamo fatto un tentativo ma abbiamo anche risorse interne, possiamo riciclare un altro giocatore in quel ruolo».

Poi su Schick, a lungo corteggiato dal club nerazzurro prima che fosse acquistato dalla Roma, dice: «L’ho scoperto io. Avremmo voluto prenderlo anche noi all’Inter ma abbiamo rinunciato per nostri motivi… Se lo godano a Roma».