Anche il calcio italiano si difende da possibili attacchi terroristici e domenica sera per Milan – Cagliari debutterà il nuovo sistema di difesa a San Siro dopo che la strage di Barcellona ha spinto a potenziare i dispositivi.

Un anello di calcestruzzo circonderà la «Scala del Calcio» e si aggiungerà alle cancellate con i tornelli all’ingresso, ai filtri di agenti e alla doppia «zona antitraffico» già sperimentata durante i mega concerti estivi. A scriverlo è oggi il Corriere della sera.

Oltre al centro città, ai luoghi della movida e alle vie dello shopping, i jersey compariranno quindi anche a San Siro, giusto in tempo per la prossima partita.

Il sopralluogo dei tecnici sarà fatto sabato mattina, ma il piazzale e le vie che sbucano sotto le torri del Meazza sono in realtà in parte già protette.

L’obiettivo è estendere gli ostacoli anticamion per impedire qualsiasi possibilità di usare vetture arietearidosso del Meazza, e chiudere così un anello di sicurezza prolungando la fila di blocchi lungo via Dessié, verso via dei Rospigliosi, e lungo via Achille verso l’Ippodromo del Galoppo.

Intanto continua l’operazione sicurezza in città. La lista di via «sigillate» aumenta. All’indomani dell’attentato terroristico sulle Ramblas di Barcellona era immediatamente scattata la corsa a chiudere i varchi d’ingresso al punto forse più sensibile della città: la zona intorno al Duomo.

I prossimi passi sono già in calendario, a ritmo serrato: prima di procedere intorno all’area dello stadio di San Siro, i sopralluoghi (in genere seguiti dalla posa dei jersey nell’arco di ventiquattr’ore) studieranno oggi le difese delle Colonne di San Lorenzoedi via Monte Napoleone, e domani i Navigli. Lunedì, infine toccherà all’Arco della Pace.