A seguito della proclamazione dello “stato di agitazione” dell’ Associazione Italiana Calciatori, la Lega Pro con una lettera a firma del Presidente Gravina ha richiamato l’attenzione del Presidente Tommasi invitandolo i invitandolo a riflettere sulla situazione e al dialogo.

Il Presidente invita l’AIC a valutare le proposte e le posizioni che interessano tutto il sistema calcistico al di sopra degli interessi dei singol.

La Lega Pro ha già avuto modo di dimostrare alla AIC il proprio impegno per fare formazione, di curare il post-carriera, di sperimentare nuove formule e di attivare modelli gestionali di avanguardia (ad esempio, il progetto “rating” ).

Il Presidente Gravina ha voluto inoltre ricordare a Tommasi le posizioni dell’organo che rappresenta su alcuni argomenti centrali, come la possibilità di attivare i ripescaggi, condivisa con la stessa AIC, la posizione della Lega che ha delineato norme più stringenti accolte nel C.U. 46/A del 10 agosto u.s..

Per quanto riguarda il tema delle “liste”, questo rappresenta un elemento portante di quella “mission” votata alla valorizzazione dei giovani da cui la Lega Pro non può arretrare. Iil Presidente Gravina ha ricordato alla AIC anche il ricorso pendente dinanzi al Tar che riguarda la legittimità, nel quadro della gerarchia delle fonti, della normativa sportiva rispetto a quella statale in riferimento ai versamenti contributivi e, certamente, l’attività cautelare del nostro sistema ben vale uno slittamento di 3 settimane.

Lo stato di agitazione proclamato e la rinuncia alla partecipazione in Consiglio Federale, lungi dal portare benefici all’A.I.C., finisce per indebolire tutti coloro  he, come la Lega Pro, cercano di portare avanti una logica di sistema senza fare un discorso di esclusiva tutela dei propri interessi come tante volte abbiamo dimostrato.

Gravina ha inoltre voluto ricordare i vantaggi ottenuti dalla Lega Pro con la riduzione delle retrocessioni; è infatti stato ripristinato il format a 60 per la stagione 2018/2019.

La Lega Pro si dice comunque aperta al confronto con tutte le componenti.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here