James Pallotta (Insidefoto.com)
Il presidente della Roma, James Pallotta (Insidefoto.com)

Il presidente della Roma, James Pallotta, attacca il nuovo Milan cinese di Yonghong Li, accusandolo di aver investito troppo sul mercato senza avere le necessarie coperture finanziarie per fare fronte alle spese.

Il numero uno giallorosso intervistato dall’Associated Press ha espresso forti perplessità sulle spese compiute dai rossoneri, paventando uno scenario preoccupante.

«Non ho idea di cosa stia succedendo. Non ha senso. Non hanno i soldi in primo luogo per comprare la squadra, visto che hanno preso 300 milioni in prestito da persone che conosco a Londra, a un interesse piuttosto alto», ha affermato l’uomo d’affari americano.

«Stanno spendendo, o almeno facendo importanti anticipi, per giocatori e pagheranno le conseguenze a un certo punto», assicura quasi sorpreso Pallotta.

Quindi il presidente della Roma spiega: «Loro dicono che è tutto per qualificarsi alla Champions League, ma non sarà abbastanza. Quando gli stipendi saranno uguali ai ricavi, non so che diavolo succederà».

«Sono gli unici in Serie A che stanno perdendo la testa! Forse loro hanno un grande piano che un giorno scopriremo, ma il resto delle squadre sono in qualche modo razionali. Se potete spiegarmi il Milan, perché io non lo capisco…».

Calciomercato e impatti sul bilancio, fino a dove può spingersi il Milan

1 COMMENTO