Serie A 2017-2018 Premium
(foto Insidefoto)

Il gruppo Telecom è pronto a fare un’offerta comune con Mediaset all’asta per i diritti di calcio della serie A ma solo «se c’è una convenienza reciproca». E’ quanto ha indicato l’amministratore delegato di Telecom, Flavio Cattaneo, a margine della Mediobanca Italian Ceo Conference, sottolineando «i buoni rapporti» con Mediaset.

«Ritengo che sia un’azienda non solo rispettabile ma che ha anche un buon posizionamento di mercato», ha indicato Cattaneo a proposito del gruppo di Cologno.

Quindi, sui diritti del calcio «se ci sono possibilità di accordi in futuro, non è che pongo limiti nelle situazioni», ha aggiunto il manager, rilevando però che ci «deve essere una convenienza reciproca, che fino ad oggi non c’è stata. Purtroppo, dico io, perché fa sempre bene trovare un accordo«. Mediaset – ha infine indicato Cattaneo– «sono degli amici».

In ogni caso, Telecom intende fare investimenti nei diritti tv del calcio solo se rendono, puntualizza Cattaneo. «Abbiamo sempre detto che gli investimenti li facciamo solo se proporzionati al ritorno. Quindi non facciamo interventi da amatori, non stiamo comperando pezzi di artigianato irreplicabile. Siamo un’industria», ha detto il manager.

Pertanto – ha sottolineato – «se ci sono dei ritorni facciamo gli investimenti. Se non ci sono, non li facciamo».

Cattaneo ha poi fatto riferimento ai diritti tv sulle prossime Olimpiadi che Telecom ha ottenuto assieme a Discovery, ricordando anche la sua esperienza in Rai. «Avete visto quanto abbiamo speso per le Olimpiadi. Ricordatevi che quando in Rai facemmo il canale dedicato alle Olimpiadi, il curling diventò uno sport famoso e così la ginnastica artistica. L’esclusiva su sport minori, che minori non sono, aveva dato grandi frutti», ha osservato Cattaneo, auspicando che lo stesso «avvenga anche questa volta, considerato il prezzo che abbiamo investito». L’accordo – ha aggiunto – è «a tutto vantaggio degli azionisti di Tim».

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here