campionato 18 squadre riforma tavecchio audizione antimafia
Carlo Tavecchio (Insidefoto)

Il Consiglio Federale della Figc ha approvato oggi all’unanimità il Bilancio consuntivo 2016, illustrato nel dettaglio dal direttore generale Michele Uva, che presenta un risultato positivo di esercizio pari a 5,9 milioni di euro.

L’attività di controllo effettuata sui budget dei diversi centri di costo e lo sviluppo di una politica di valorizzazione delle potenzialità commerciali della FIGC, hanno permesso di ottenere risultati eccellenti. Il Valore della Produzione registra un incremento di 18,6 milioni di euro, legato, in via prevalente, al posizionamento della Nazionale A al Campionato Europeo UEFA 2016, all’organizzazione delle due finali di UEFA Champions League maschile e femminile e agli introiti riferiti alle quote degli associati con particolare riferimento alle sanzioni degli organi della giustizia sportiva. Gli impatti dell’attività internazionale legata al Campionato Europeo 2016 e alle due finali di Champions hanno manifestato i loro effetti anche per quanto riguarda i Costi di Produzione.

bilancio figc 2016
(Insidefoto)

In particolare, il Bilancio 2016 presenta un Valore della produzione pari a 174,1 milioni di euro, Costi per l’Attività Sportiva pari a 105,1 milioni di euro, Costi di funzionamento pari a 34,8 milioni di euro, determinando il valore del MOL (Margine Operativo Lordo) in 34,2 milioni di euro rispetto ai 24,3 del 2015. Il Risultato Operativo e il Risultato Ante Imposte sono pari a 21,1 milioni di euro rispetto ai 17 milioni di euro dell’esercizio 2015. Gli indicatori sopra esposti rappresentano i dati migliori registrati, in assoluto, dal 2004, primo anno utile per una comparazione omogenea dei dati.

Tenendo conto di quanto sopra, delle imposte di periodo pari a 15,2 milioni di euro influenzate dal significativo aumento del risultato della gestione commerciale, che registra un incremento del reddito imponibile di circa 6,3 milioni di euro, il Risultato di Esercizio 2016 è pari a 5,9 milioni di euro. Dal punto di vista patrimoniale, si evidenzia un Patrimonio netto in crescita che si attesta su 46,8 milioni di euro, con un incremento dell’Attivo circolante di circa 17 milioni di euro e un decremento dei Debiti (al netto degli acconti) di circa 8,5 milioni di euro.