Il nuovo procuratore federale Giuseppe Pecoraro (sulla sinistra nella foto Insidefoto)
Il procuratore federale Giuseppe Pecoraro (sulla sinistra nella foto Insidefoto)

La notizia è emersa nella serata di ieri con un dispaccio dell’agenzia Ansa e approfondita oggi sulle pagine di Napoli del quotidiano La Repubblica: la procura federale della Figc avrebbe aperto un fascicolo per verificare eventuali violazioni dell’articolo 12, comma 9 delle norme di giustizia sportiva che fanno «divieto ai tesserati di avere rapporti con sostenitori e associazioni senza autorizzazione del delegato della società».

Tale verifica riguarderebbe i rapporti intercorsi tra alcuni calciatori (vecchi e nuovi) del Napoli e i fratelli Gabriele, Giuseppe e Francesco Esposito, i tre imprenditori di Posillipo arrestati dalla Dia con l’accusa aver agevolato gli affari di due clan della camorra.

Il procuratore federale Giuseppe Pecoraro – secondo quanto riferito da Repubblica – ha già acquisito i primi video e foto che provano l’eccessiva familiarità di alcuni calciatori con i tre arrestati. Video e foto ritraggono anche Maradona, escluso dall’inchiesta sportiva perché non tesserato. Coinvolgono invece sul piano federale Paolo Cannavaro oggi al Sassuolo, Higuain ceduto alla Juventus, Reina, Callejon e Maggio, che compare pure lui in una foto.

I nomi dei tesserati finiti sotto la lente della procura federale non sono ancora emersi

Pecoraro, che ha indagato anche sui rapporti tra Juve e esponenti della ‘ndrina di Rosarno, ma anche sul presidente del Latina per i rapporti con un personaggio chiacchierato, è alla ricerca di altre tracce.

Che cosa rischia il Napoli? Per responsabilità oggettiva, secondo le nuove norme federali, c’è solo il rischio di ammende.

Intanto punta a saperne di più anche la commissione Antimafia, che tuttavia ha già riconosciuto a De Laurentiis di aver sempre respinto infiltrazioni di clan.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here