Palermo, Sicily by Car nuovo main sponsor
Tifosi del Palermo (Insidefoto.com)

L’attesa porta ad aggiornamenti ormai quotidiani, a Palermo, dove l’era di Paul Baccaglini e l’addio di Maurizio Zamparini dovrebbero concretizzarsi a giorni, forse settimane, quando da Londra arriverà il via libera.

E oltre ai tifosi, come documenta oggi La Repubblica nell’edizione di Palermo, anche le istituzioni seguono con curiosità gli sviluppi della trattativa.

Lo scorso 9 marzo il sindaco Orlando e il presidente Baccaglini erano seduti l’uno accanto all’altro quando l’imprenditore italoamericano annunciava l’intenzione di costruire il nuovo stadio nella zona del velodromo. d

Ma con le elezioni alle porte sarà il nuovo sindaco con ogni probabilità a seguire la fase programmatica del nuovo Palermo. Di sicuro chi vincerà le elezioni amministrative si occuperà di valutare il progetto del nuovo stadio che nelle intenzioni di Baccaglini sarà presentato a fine giugno.

Nel frattempo però il velodromo è tornato alla vita. L’amministrazione comunale, dopo avere estromesso l’impianto dagli interventi di ristrutturazione programmati, ha stanziato due milioni di euro per il recupero della struttura.

Un milione è già stato speso per la sistemazione degli uffici, dei magazzini e degli spogliatoi. L’altro servirà per completare gli interventi sugli spalti e dotare il campo di un manto in erba sintetica.

A gestire il velodromo in questo momento è la Federciclismo, e non sembra proprio una struttura che si sta per avviare alla demolizione per fare posto a un nuovo stadio secondo il progetto di Baccaglini. E per chi segue con scetticismo l’andamento della trattativa fra Zamparini e Baccaglini questa non è proprio una prova a favore del closing.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here