formula 1 ricavi scuderie 2017
Nico Rosberg, campione del Mondo F1 2016 (foto Insidefoto)

Quanto hanno speso scuderie Formula 1 2016 – Il Mondiale 2016 di Formula 1 è ormai alle spalle, con il successo di Nico Rosberg davanti a Lewis Hamilton nella classifica piloti. A dominare tra i costruttori resta la Mercedes, ovviamente: ma quanto hanno speso le scuderie nella stagione appena conclusa?

Ad analizzare budget e ricavi è stata la rivista specializzata Autosport, che ha pubblicato il riassunto della stagione che ha visto la Mercedes conquistare il successo in 19 delle 21 gare in programma. Eppure non è la scuderia di Brackley non è quella che spende di più.

quanto hanno speso scuderie formula 1 2016

Mercedes

Crescono i costi dei salari per la scuderia tedesca con sede in Inghilterria, in compenso grazie ai successi salgono i premi che arrivano dalla FOM. In particolare, il budget per la Mercedes era di 265 milioni di sterline, con ricavi che hanno raggiunto la stessa cifra grazie ai 50 milioni versati da Daimler, ai 133 (inclusi 56,5 di bonus, 30 in più rispetto alla stagione precedente) ricevuti dalla FOM per l’anno 2015 e agli 82 milioni degli sponsor (di cui 35 dalla sola Petronas).

quanto hanno speso scuderie formula 1 2016
Nico Rosberg (foto Insidefoto.com)

Red Bull

Gli anni del dominio sono passati, eppure le “lattine” riescono sempre ad essere lì, anche grazie ad un budget da 215 milioni di sterline, che hanno portato alle uniche due vittorie non Mercedes in stagione. Budget superato però dai ricavi, grazie ai 55 milioni ricevuti dalla Red Bull, altri 55 dagli sponsor (nonostante l’addio di Infiniti, compensato dalla firma con TAG Heuer) e 110 dalla FOM (di cui 56,6 in bonus per il 2015).

Ferrari

Senza dubbio la grande delusione della stagione. Le rosse, nonostante le grandi aspettative, non sono riusciti ad impensierire la Mercedes: il tutto avendo il budget più alto di tutto il circus, 330 milioni di sterline. E, tra i ricavi, non è bastato nemmeno il più ampio bonus dalla FOM (150 milioni complessivi) e le sponsorizzazioni (altri 150 milioni, di cui 75 da Philip Morris) a pareggiare le spese. Non a caso, tra le big è quella con il costo per punti maggiore.

quanto hanno speso scuderie formula 1 2016
Formula 1 Ferrari (Insidefoto.com)

Force India

La scuderia di Vijay Mallya continua nella sua crescita: per la prima volta supera il 5° posto nella classifica costruttori, piazzandosi subito dietro la Ferrari. Grazie ad un budget da 90 milioni e da ricavi alzati anche dagli sponsor portati dal messicano Sergio Perez.

Williams

Annata in chiaroscuro: ci si aspettava di più dopo aver chiuso terzi il 2015, ma la stagione non è stata in linea con le attese, tanto da essere superati anche dalla Force India. Un risultato che costerà caro: nonostante sponsor come Martini e Rexona (che hanno inciso per metà dei 50 milioni di ricavi da sponsor), il minore bonus per il piazzamento in classifica avrà un impatto importante nella prossima stagione.

McLaren

Gli investimenti di Honda, per ora, non bastano. I 185 milioni di budget non sono serviti granché, anzi Alonso e Button, pur in miglioramento rispetto al 2015, spesso sono stati in grande difficoltà. Eppure Honda ha messo mano al portafoglio, con 60 milioni di sterline investite come sponsor (su 120 complessivi, con ricavi anche da Mobil, Johnnie Walker e Chandon), mentre altri 65 sono arrivati dalla FOM.

Toro Rosso

La scuderia “di sviluppo” di Red Bull, con sede però a Faenza, non sorprende. La partenza di Verstappen verso la casa madre ha senza dubbio inciso: i 40 milioni investiti dall’azienda delle lattine hanno portato i ricavi a 100 milioni, pareggiando il budget. Intanto, però, Red Bull ha investito anche per ampliare la sede italiana e la galleria del vento di Bicester (nel Regno Unito).

Haas

L’ultima entrata, nonostante nessun ricavo dalla FOM, sorprende. Nonostante le previsioni, la Haas infatti è riuscita andare a punti, ottenendo anche per il prossimo anno una fetta dei premi distribuiti dalla federazione internazionale. Soldi fondamentali, perché la base di sponsor è minima (solo 10 milioni su 100).

Renault

Il ritorno della squadra ufficiale non è stato in grande stile come ci si aspettava. Nonostante un budget da 150 milioni (mentre tra i ricavi 80 milioni arrivavano dall’azienda francese), sono stati soltanto 8 i punti raccolti in stagione. E il futuro non pare granché differente: la scuderia pare non punti ad ottenere un podio prima del 2018.

Sauber

Già essere riuscita ad essere in gara è stato un successo, dopo aver rischiato il fallimento. I due punti ottenuti in Brasile sono stati fondamentali per il futuro: tanto che, dopo aver dovuto chiedere un anticipo alla FOM nel 2015 per costruire e testare la nuova monoposto, per il 2017 la Sauber pare non debba averne bisogno.

Manor

Nata da una costola della Marussia, nonostante la spinta di due piloti con soldi da sponsor alle spalle come Wehrlein e Haryanto, la Manor non è riuscita a superare la Sauber in classifica: rimanere ultima in classifica è costata alla scuderia di Banbury circa 10 milioni di sterline in premi FOM.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here