Alla fine è arrivata anche la conferma. Il Boxing Day del 26 dicembre 2016 è stata la giornata più seguita in Premier League dall’inizio della stagione.

Dei 387.588 posti a disposizione negli stadi della Premier League solamente 8.265 sono rimasti liberi.

La media di riempimento è stata del 97,22% degli stadi.

Cinque sono i club che hanno riempito oltre il 99% della capacità (un sold out di fatto) mentre tutti i club sono andati oltre il 90% dei posti disponibili. I dati ufficiali sono stati pubblicati da Insideworldfootball.com

rd18-att-copy-738x1024

E il calcio in Inghilterra non si ferma mai: ora i fan possono continuare a vedere partite ininterrottamente, dal 30 dicembre fino al 2 gennaio. Dopo di che ci sarà spazio per la FA Cup, che come da tradizione arriva nel primo week end dell’anno nuovo.

La squadra che ha lasciato meno posti liberi è lo Swansea: solo 43 i biglietti invenduti in quella che è stata l’ultima partita di Bob Bradley nella società gallese. Anche qui un segno chiaro: gli stadi in Inghilterra si riempiono a prescindere dai risultati.

Ed è questa forse la vera differenza tra la Serie A e il calcio d’oltremanica: l’incondizionata fede che i tifosi inglesi pongono nei confronti delle loro squadre. Basti pensare ad esempio che il Palermo quest’anno ha perso il 30% dei propri supporter.

In fondo alla graduatoria c’era l’Hull City con il 90% di riempimento dello stadio contro il Manchester City. Ma va ricordato che si tratta della squadra che meno attira i propri tifosi: la partita in casa precedente aveva fatto il 68%.