Un’asta tematica sul calcio: mercoledi’ 14 dicembre a Milano la vendita di “Football Memorabilia” organizzata da Aste Bolaffi presenta cinque secoli di storia e tradizione del pallone in Italia attraverso un catalogo di libri, stampe, autografi, manifesti e altri oggetti rari.

Protagonista principale e’ lo Statuto del “Milan Football & Cricket Club” (lotto 1019), stimato 80-120mila euro: il libretto di 16 pagine con copertina in cartoncino rosso e titolo a caratteri neri, stampato a Milano nel 1900, e’ l’unica testimonianza conosciuta della fondazione di uno dei club piu’ titolati al mondo.

“Il documento – ha dichiarato l’amministratore delegato Filippo Bolaffi – testimonia l’attualita’ straordinaria della nostra asta, che arriva in un momento cruciale per la storia del Milan, dove chiunque debba portare avanti il blasone della squadra puo’ farlo iniziando dalle origini, con l’unico documento noto al mondo che da’ inizio alla gloriosa storia del club”.

Il secondo top lot in catalogo e’ la maglia di uno dei piu’ grandi giocatori italiani di tutti i tempi, Gigi Riva. La numero 11, quella che, il 26 aprile 1970, “Rombo di tuono” indosso’ l’ultima giornata di campionato in cui il Cagliari vinse lo scudetto (lotto 1016). Una maglia cosi’ importante e simbolica che nel 2005 il Cagliari ha ritirato per omaggiare la carriera di Riva. Il cimelio, proveniente da un giocatore del Torino con cui Riva scambio’ la maglietta negli spogliatoi a fine partita, simbolo di un’epoca gloriosa per il Cagliari e di importanza eccezionale per l’intera storia del calcio italiano, e’ stimato 8-12mila euro.

Un altro lotto e’ legato a un altro grande, Dino Zoff: indossando la maglia proposta in vendita da Aste Bolaffi (lotto 1017, stima 3-4mila euro) in una partita della stagione 1977-78, l’indimenticabile portiere contribui’ alla vittoria della Juventus del Campionato per la diciottesima volta.

Gli albori del calcio in Italia sono testimoniati da una selezione di lotti molto antichi, come il raro manoscritto su una partita giocata a Firenze durante il Carnevale del 1672 (lotto 1001, stima 2-3mila euro).

Il documento presenta due colonne con i nominativi dei partecipanti: in testa i Calcianti, poi l’Alfiere, a seguire cinque Sconciatori (attuali mediani), tre Datori Innanzi (terzini) e infine i Datori a’ Dietro (portieri).

Diffuso in questa forma pure in altre regioni d’Italia, il calcio accompagnava le feste e ricorrenze ufficiali anche all’estero: ne e’ esempio l’acquaforte di Jacques Callot dedicata a una partita disputata nel 1629 in onore della duchessa di Lorena (lotto 1004, stima 1.500-2mila euro).

Tra i lotti piu’ curiosi, e’ presente un taccuino su cui un giovane Mike Bongiorno raccolse gli autografi di calciatori e atleti quando, allora quindicenne, lavorava come galoppino per le pagine sportive della Stampa, giornale della sua citta’ d’adozione (lotto 1011, stima 1.500-2.000 euro).

L’esposizione dei lotti si terra’ dall’11 dicembre presso la sede Bolaffi di via a Manzoni, l’asta e’ prevista per le 18 del 14 dicembre presso il Grand Hotel et De Milan.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here