milan pegno project redblack
Marco Fassone con Adriano Galliani (Insidefoto)

Se, come ormai sembra molto probabile, il closing per la cessione del Milan alla cordata cinese riunita in Sino-Europe Sports Investment dovesse slittare dal 13 dicembre alla fine di febbraio, a gestire il calciomercato rossonero nella sessione di gennaio sarà ancora Adriano Galliani.

Lo ha confermato lo stesso amministratore delegato del Milan parlando ai microfoni di Premium Sport prima della partita di San Siro vinta dai rossoneri contro il Crotone.

«Con le regole attuali sarò io a gestire il mercato, e qualsiasi operazione dovrà essere condivisa dalla Sino-Europe Sports», ha affermato Galliani, sottolineando che, in caso di proroga a febbraio del closing per la cessione ai cinesi del club, la gestione del mercato invernale sarà «molto simile a quella di agosto».

L’ad del Milan ha inoltre spiegato che le scelte saranno comunque condivise con quelli che potrebbero essere i futuri proprietari del club (hanno già versato una caparra di 100 milioni a Fininvest e potrebbero versarne una seconda di pari importo in caso di slittamento del closing), a partire da quello che è già stato indicato come futuro amministratore delegato, l’ex dirigente di Inter, Juventus e Napoli, Marco Fassone.

«Noi faremo le proposte, se i potenziali acquirenti non le accettano non si fanno», ha spiegato Galliani. «Il mercato è gestito da noi e condiviso, perché siamo in un interim period, come si dice nel mondo del business. Non è incertezza, è un dato di fatto».