come vedere playoff Serie B gratis su DAZN
Un pallone in rete (Foto: Insidefoto.com)

E’ in programma il prossimo 2 dicembre a Roma l’evento dedicato a chi sogna di diventare intermediario sportivo e talent scout, due attività interessanti per chi aspira a lavorare nel calcio. La location scelta dall’agenzia inglese Giuliani Sports LTD è il Best Western Plus Hotel Universo in via Principe Amedeo 5/B.

locandina-corso

 

Tra le persone che hanno assicurato la propria presenza alla giornata di formazione c’è Franco Zavaglia, uno degi agenti più celebri nel panorama calcistico attuale che con il suo intervento spiegherà proprio le doti che deve possedere chi aspira a svolgere questo lavoro.

Zavaglia ha così sottolineato ai nostri microfoni come uno dei problemi maggiori nella situazione attuale sia proprio la mancanza di professionalità: “Nel mio intervento cercherò di spiegare come la professione sia cambiata nel corso degli anni. Oggi infatti la figura è stata fortemente sminuita ed è poco qualificante, una situazione dovuta anche alla mancanza di un codice di deontologia che possa regolare i comportamenti. Attualmente, infatti, sono in tanti a pensare che basti avvicinare un calciatore per strada per poterne diventare l’agente”.

Il procuratore ha quindi le idee chiare su come si possa agire per migliorare questa situazione: “E’ fondamentale poter contare su persone competenti nel settore che possano indirizzare al meglio i calciatori. Giovani e famiglie non devono essere illusi inutilmente. Capire come funziona il sistema calcio e avere calcato qualce campo può essere un aiuto, oltre a poter conoscere alcune regole anche se non sono scritte. Serve inoltre definire la figura dell’agente a livello italiano e mondiale. La professione negli ultimi anni sta attraversando un forte degrado proprio perché mancano le competenze e regole certe”.

L’importanza di possedere le competenze giuste prima di poter lavorare nel calcio è stata confermata anche da Marco Amelia, ex portiere del Milan e del Chelsea, che sarà presente nella giornata romana in qualità di relatore. “Nel mio intervento mi concenterò sulle differenze tra Italia e Inghilterra grazie alla mia esperienza sul campo. Sono sempre di più le persone che fanno o vogliono fare i procuratori, ma non hanno la preparazione necessaria. Confrontarsi con chi è più esperto può essere fondamentale per migliorarsi”.

Amelia ritiene inoltre fondamentale conoscere dove si andrà ad operare per poter rendere al megio: “Il calcio presenta differenze notevoli sia a livello tattico sia tecnico tra Italia e Inghilterra. I metodi sono diversi e già in partenza è possibile capire se si è idonei a giocare in un certo campionato“.

L’ex portiere, che a breve potrebbe tornare in campo, si sente inoltre particolarmente orgoglioso per essere stato scelto per prendere parte a questa iniziativa: “Conosco Nicola Giuliani da poco più di un anno, mentre Zavaglia mi ha scoperto quando ero giovanissimo alla Roma. Sono persone molto preparate e poter essere presente mi fa solo piacere. Quando smetterò di giocare mi piacerebbe assumere un ruolo più di campo, ma sarà comunque necessario rapportarsi con gli intermediari e quindi essere a conoscenza del loro compito potrà essere utile”.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here