I club partecipanti alla Champions League 2016/17 e alla Supercoppa Europea si divideranno un totale di oltre 1,3 miliardi di euro. Lo annuncia la Uefa spiegando che i profitti commerciali lordi delle due competizioni, sommati a quelli della Europa League, sono di circa 2,35 miliardi di euro.

Il piano di distribuzione (comprese le quote fisse) si basera’ dunque su questo importo. Dei 2,35 miliardi di euro stimati, il 12% (282 milioni) sara’ dedotto per coprire le spese organizzative e amministrative della competizione, mentre l’8,5% (199,7 milioni) sara’ assegnato ai pagamenti di solidarietà.

Del risultante profitto netto di 1,86 miliardi di euro, l’8% sara’ riservato al calcio europeo e rimarra’ alla Uefa, mentre il restante 92% sara’ distribuito ai club partecipanti.

In base alle suddette previsioni e assegnazioni, l’importo totale disponibile da distribuire ai club partecipanti nel 2016/17 e’ di 1,7187 miliardi di euro, di cui 1,3189 miliardi alle squadre della Champions e della Supercoppa. In quest’ultimo caso il Real Madrid puo’ prevedere di ricevere 4 milioni di euro, contro i 3 milioni per il Siviglia.

Come noto la Champions League sta affrontando un triennio che si chiuderà nel 2018. Da parte dei grandi club vi è la pressione ad arrivare a maggiori introiti televisivi e per questo si sta studiando la possibilità di introdurre una nuova formula per il periodo 2018-2021 che faccia ulteriormente lievitare il montepremi e il valore della competizione.

PrecedenteInter, Thohir a Milano: giorni cruciali per il futuro, dal campo alla società
SuccessivoMalagò ‘apre’ le barriere dell’Olimpico: “Vicini alla soluzione, tifosi meritano fiducia”
Un bresciano a Manchester. Tra giornalismo economico e football scouting