Un vero campionato Mondiale per club sta per riempire le estati del calcio negli anni dispari. Sarà una novità strepitosa che si annuncia come realmente rivoluzionaria. Copyright Gianni Infantino. Risultato: nessuna più estate senza calcio e una nuova manifestazione in grado di raccogliere un’audience mondiale, organizzata dalla FIFA.

La formula: 24 squadre, fase a gruppi ed eliminazione diretta. Da capire se si farà un torneo esattamente come l’Europeo di quest’anno o si cercherà di comprimere la manifestazione (gironi a 3, una sola qualificata, quarti di finale).

Parteciperanno almeno 8 europee (vincitrici di Champions e altre squadre ammesse per ranking) più 8 sudamericane, i 4 campioni continentali di Asia, Africa, Nordamerica e Oceania e altre 4 squadre (una dal paese ospitante, le altre 3 da stabilire).

L’iniziativa non vedrebbe di buon occhio la nascita della Superlega. Ma non sarebbe certo un elemento dissuasore: se i maggiori club europei decidono di mettere in piedi l’NBA del calcio non c’è mondiale – in cui giochi con club cinesi, australiani e africani – che tenga.

Peraltro i posti sarebbero solo 8 (massimo una decina), e si rischia che le partite realmente interessante finiscano per essere 5-6, quando scremate le Sudamericane e il resto del Mondo si finirà per avere un finale totalmente europeo.

Insomma: si tratterebbe di un bel torneo, di richiamo e prestigio, sotto l’egida della FIFA, ma se i grandi d’Europa decideranno di andare per la loro strada non ci sarà mondiale che tenga. Anche perchè come già scritto da CF – calcioefinanza.it nei mesi scorsi la dimensione del calcio è sempre meno nazionale e più internazionale e la direzione è segnata.

Il risultato immediato? Mai più un’estate senza calcio. Quella del 2015 potrebbe essere stata l’ultima. L’anno prossimo ci sarà la Confederations cup (ultima edizione), quindi il mondiale Russia 2018, il primo mondiale per club (2019, in Cina?) e a seguire le competizioni continentali (anche la Copa America potrebbe giocarsi in contemporanea agli Europei) del 2020. E via così: Mondiale club nel 2021, Qatar 2022 eccetera…

Nel frattempo come già annunciato l’UEFA metterà in campo la Nations League. Un torneo che inizierà nel 2019 (anche in questo caso si giocherà ogni due anni) e modificherà la struttura di qualificazione a Europeo e Mondiale.

55 nazioni coinvolte in 4 serie in base al ranking.

In «Serie A» ci saranno le migliori 12, divise in 4 gruppi da 3. Le partite si giocano tra settembre e novembre, nei tre international break tanto odiati dai tifosi, spostando così a marzo l’inizio delle qualificazioni. Le vincenti dei 4 gruppi si riuniranno in una «final four» a inizio giugno 2019. Il torneo servirà anche a qualificare all’Euro 4 squadre che non abbiano già conquistato il posto con i gruppi di qualificazione.

 

1 COMMENTO