La manager torinese Evelina Christillin è la prima donna europea a entrare nel governo mondiale del calcio.

“Ringrazio la Figc per aver avuto l’idea di candidarmi e per la forza con cui ha sostenuto la mia candidatura, sono emozionata e onorata di rappresentare la Uefa all’interno del massimo organismo calcistico internazionale. Da oggi mi metto a disposizione di tutte le Federazioni e sono felice di essere al servizio del mondo del calcio per la sua crescita ed il suo sviluppo”. Queste sono state le prime parole di Evelina Christillin dopo la sua elezione nel Consiglio Fifa avvenuta oggi nel corso del Congresso Straordinario della Uefa ad Atene.

L’elezione della manager torinese, sostenuta dalla Figc, e’ avvenuta nel corso del 12^ Congresso Straordinario della Uefa riunito ad Atene. Con la Christillin l’Italia torna nel board del governo mondiale del calcio.

 

“L’elezione di Evelina Christillin – e’ il commento del presidente della Figc, Carlo Tavecchio – e’ una bella notizia per il calcio e per tutto lo sport italiano. Negli ultimi mesi la Figc ha costruito le condizioni affinche’ fosse l’Italia a proporre la prima donna europea a sedere nel Consiglio Fifa e oggi festeggiamo un grande successo. Con la sua esperienza sono convinto che dara’ un contributo importante per lo sviluppo del calcio mondiale”.

Tavecchio è stato anche sostenitore di Aleksander Ceferin al vertice dell’Uefa e quest’altra elezione rappresenta, dopo Infantino, un altro successo di Tavecchio, fra i primi a scommettere su di lui, ma il presidente della Figc puo’ esultare anche per Evelina Christillin, eletta nel Consiglio Fifa.

Evelina Christilln (classe 1955) è figlia del presidente dell’Aci di Torino, laureata in storia ha gareggiato a inizio anni 70 nello sci alpino. E’ stata compagna di scuola di Margherita Agnelli e da semre è inserito nell’ambiente della famiglia torinese.

Assunta nel 1978 all’uffico stampa Fiat è stata anche docente di Storia dello sport all’Università degli Studi di Torino. Fu impegnata nella campagna di rielezione alla carica di sindaco di Torino di Valentino Castellani (indipendente di centro sinistra in carica dal 1993 al 2001 prima di Sergio Chiamparino) e successivamente presidente del comitato olimpico per Torino 2006 di cui proprio la Christillin (vicepresidente) fu tra le principali sostenitrici e promotrici.

Nel 2015 il Presidente del Consiglio dei ministri Matteo Renzi ha annunciato la nomina della Christillin a capo dell’ENIT, l’agenzia nazionale italiana del turismo.

Tifosa juventina e membro del gruppo cultura della squadra, fu coinvolta in una polemica quando definì il presidente dell’Inter Erick Thohir “un piccoletto ciccione indonesiano”. Sposata con il manager Gabriele Galateri di Genola, la Christillin ha una figlia di nome Virginia.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here