borussia dortmund trimestrale 2016
I tifosi del Borussia Dortmund (Insidefoto.com)

Ricavi da record per il Borussia Dortmund nella stagione 2015/16. La società tedesca ha infatti annunciato le cifre dei risultati preliminari della scorsa stagione, da cui emerge un fatturato mai così elevato.

Dall’1 luglio 2015 al 30 giugno 2016 i ricavi del Gruppo Borussia Dortmund sono cresciuti del 36,3%, passando da 276 a 376,3 milioni di euro, nononstante il club giallonero non abbia partecipato alla Champions League (e senza considerare la cessione di Henrikh Mkhitaryan al Manchester United, avvenuta dopo l’1 luglio 2016).

In crescita anche il fatturato netto (cioè escluso il player trading), passato da 263,6 a 281,3 milioni di euro (+6,7%).

I 376,3 milioni di fatturato sono così suddivisi:

– Ricavi da stadio: 46,8 milioni (39,9 nel 2014/15);

– Diritti tv: 82,6 (82,1);

– Sponsor e pubblicità: 84,6 (75,7);

– Player trading: 95,0 (12,4);

– Catering: 27,5 (26,6);

– Merchandising: 39,8 (39,3).

Il costo del lavoro del Gruppo Borussia Dortmund è invece cresciuto di circa 22,3 milioni, raggiungendo quota 140,2 (risptto ai 117,9 del 2014/15). In crescita anche gli ammortamenti (da 42,4 a 50,2 milioni) e gli altri costi operativi (da 98,8 a 127,2 milioni), incremento quest’ultimo dovuto sopratttutto ai maggiori costi per i trasferimenti (31,9 milioni, erano stati 10,7 nel 2014/15).

bilancio borussia dortmund 2016

L’utile netto consolidato del Gruppo è pari a 29,4 milioni di euro. (5,5 milioni nel 2014/15), il secondo miglior risultato conseguito dal 2008/09. L’EBT ammonta invece a 34,3 milioni di euro (0,6), mentre l’EBITDA si è assestato a quota 86,7 milioni di euro. (55,6). Infine, il risultato finanziario è passato dai -7,2 milioni di euro del 2014/15 ai -2,1 milioni del 2015/16, con un miglioramento di 5,1 milioni.  passando dal gruppo -7.2 milioni di euro. (Anno precedente) del 5,1 milioni di euro. a -2.1 milioni di euro.

Dal 2010/11, inoltre, il Borussia Dortmund ha generato complessivamente un profitto di 131 milioni di euro, finito per circa il 20% nelle tasche degli azionisti sotto forma di dividendi. Che saranno distribuiti anche per la stagione 2015/16: il dividendo sarebbe pari a 6 centesimi di euro (0,06 €, mentre erano stati 0,05 € nella stagione scorsa) per ciascuna quota posseduta, ma la decisione finale a riguardo sarà presa nel prossimo novembre.

 

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here